Rivarolo Canavese: crescono le emergenze casa e lavoro. Rostagno: “Il Comune fa quello che può”

Rivarolo Canavese

/

01/03/2016

CONDIVIDI

In aumento costante il numero delle famiglie che si rivolgono alla Caritas e alla Conferenza di San Vincenzo per ritirare il pacco viveri settimanale

Anche a Rivarolo cresce l’emergenza casa. Un’emergenza purtroppo legata alla perdita del lavoro. Tutti i giorni negli uffici comunali competenti, davanti all’assessorato alle Politiche Sociali e allo studio del sindaco Alberto Rostagno, s’ingrossa la fila di persone che chiedono aiuto. Il problema è ormai annoso e, nonostante ciclicamente qualche istituto di statistica o qualche ministro intravede una ripresa economica che ancora non c’è, di anno in anno il numero delle persone che vive al di sotto della soglia di povertà è in continua crescita. Ne sanno qualcosa i volontari della Caritas Diocesana e della Conferenza di San Vicenzo che, tutte le settimane, distribuiscono pacchi viveri destinati a bambini e adulti. E gl’immigrati, in questo contesto rappresentano una percentuale piuttosto contenuta: sono i canavesani che, mettendo da parte pudore e vergogna, si rivolgono agli enti assistenziali e alle associazioni di volontariato per mettere qualcosa sotto i denti. Il Comune fa quello che può, compatibilmente con le risorse destinate all’assistenza.

“Siamo tra i comuni che destinano oltre il 12 per cento del bilancio comunale per fronteggiare l’emergenza casa e lavoro – spiega il sindaco Alberto Rostagno -. Purtroppo, e lo dico con un personale senso di frustrazione, facciamo ciò che possiamo soprattutto nei casi più urgenti e laddove a chiedere aiuto sono nuclei famigliari con bambini e che versano in condizioni economiche più che disagiate”. Per quanto concerne gli alloggi popolari, quelli presenti a Rivarolo Canavese sono gestiti direttamente dall’Atc,  l’ente che assegna gli alloggi, in base alle graduatorie, a canone agevolato. Sono le due facci della stessa medaglia: se da un lato Rivarolo può vantare di essere tornata ad essere il cuore economico dell’Altro Canavese, dall’altro deve fare i conti con la crescente disoccupazione e gli sfratti esecutivi. Il ricco e verde Canavese in sostanza è sempre verde, ma meno ricco rispetto al passato. La bolla finanziaria che, nel 2008, ha innescato con la crisi di Wall Street determinata dal fallimento della banca Lehman Brothers ha devastato l’economia planetaria, Europa compresa. E le parole, come sanno bene gli amministratori dei piccoli e medi centri urbani, non servono a risolvere una situazione che ormai è divenuta un’emergenza cronica.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

23/11/2017

Pavone, andavano in giro con coltelli a serramanico e un piede di porco. Denunciati due disoccupati

I carabinieri della Stazione di Ivrea hanno denunciato in stato di libertà alla Procura di Ivrea […]

leggi tutto...

Ivrea

/

22/11/2017

Canavese, nel 2017 sono state ben 187 le donne oggetto di violenza. Le iniziative dell’Asl To4

Come sempre è alta l’attenzione dell’Asl To4 sulla problematica della violenza contro le donne, attraverso l’impegno […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

22/11/2017

Cuorgnè, nasce in città una comunità di vendita on line di prodotti agricoli a chilometri zero

E’ con un “alveritivo” che avrà luogo venerdì 14 novembre alle 18,30 nella splendida cornice di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy