Rivarolo: il Comune aderisce all’iniziativa contro il femminicidio “Posto Occupato”

Rivarolo Canavese

/

13/09/2017

CONDIVIDI

All'iniziativa si sensibilizzazione contro un aberrante fenomeno, aderiscono comuni e associazioni canavesane

Una sedia rossa simbolo della lotta al femminicidio: è approdata in vari comuni del Canavese la campagna denominata “Posto Occupato” partita sulle pagine dei social network da Rometta, un centro abitato in provincia di Messina e che, in breve tempo, è divenuta virale. Nell’alto Canavese è il Gruppo “Donne per la Valle Sacra” a divulgare questa importante iniziativa tesa a sensibilizzare istituzioni e cittadini nei confronti di un fenomeno, come quello della violenza contro le donne, che non è solo aberrante, ma in continua crescita.

Nella mattinata di martedì 12 settembre l’assessore di Cintano Daniela Contini e Franca Orso hanno simbolicamente consegnato la sedia rossa di “Posto Occupato” al sindaco di Rivarolo Canavese Alberto Rostagno. L’evento, al quale hanno preso parte il vice sindaco Edoardo Gaetano, l’assessore alla Cultura Costanza Conta Canova, l’assessore Lara Schialvino e il segretario comunale Aldo Maggio, ha avuto luogo nella sala consigliare di Palazzo Lomellini.

Sono sempre più numerose anche in Canavese le amministrazioni comunali e le istituzioni locali che stanno aderendo all’iniziativa “Posto Occupato”.

Dov'è successo?

Leggi anche

Caselle

/

24/11/2017

La procura ha incaricato il casellese Mauro Esposito di far luce sulla tragedia di piazza San Carlo

Sarà l’architetto casellese Mauro Esposito, l’imprenditore casellese  testimone di giustizia che ha svelato la presenza della […]

leggi tutto...

Castellamonte

/

24/11/2017

Castellamonte/Ozegna: violento scontro tra auto sulla provinciale. Due feriti di San Giusto e San Giorgio

Uno scontro violentissimo tra due auto ha fatto finire in ospedale entrambi i conducenti degli automezzi: […]

leggi tutto...

Cantoira

/

24/11/2017

Violento incendio a Cantoira: grazie a WhatSapp i residenti nel paese salvano il bosco

E’ grazie all’applicazione per smartphone WhatSapp che è stato possibile circoscrivere un violento incendio che avrebbe […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy