Rivarolo: alla sbarra il subagente che avrebbe rilasciato ai clienti polizze assicurative non valide

Rivarolo Canavese

/

12/12/2015

CONDIVIDI

Carabinieri e polizia stradale avevano scoperto che parecchi automobilisti non erano in regola con la copertura della Rca

L’accusa, non da poco, è di truffa, falso e appropriazione indebita. Alla sbarra un subagente rivarolese di 48 anni, che, all’epoca dei fatti contestati, era responsabile di un’agenzia assicurativa a Favria. La presunta truffa risalirebbe al 2010: il giudice del tribunale di Ivrea ha chiamato a testimoniare una trentina di testimoni coinvolti nella vicenda. La somma della quale l’ex amministratore si sarebbe appropriato ammonta  circa 200 mila euro.

Tra le tante persone che sarebbero state coinvolte figurano pensionati, extracomunitari e intere famiglie: tutte persone residenti a Rivarolo Canavese, Valperga, Cuorgnè, Forno e Favria. Secondo l’accusa l’uomo avrebbe fatto firmare ai clienti le polizze assicurative, rilasciava i tagliandi irregolari e intascava il corrispettivo. Il denaro non sarebbe mai stato girato alle sedi centrali delle società assicurative che avevano conferito il mandato all’agenzia di cui l’imputato era titolare. E non è tutto: oltre al danno economico subito, i clienti in realtà non godevano della copertura assicurativa. Il problema è emerso soltanto dopo alcuni mesi quando le società assicurative hanno comunicato ai clienti il nominativo del nuovo broker. Sull’imputato grava il sospetto che la sua attività non fosse soltanto limitata all’attività assicurativa relativa alla Rca, ma anche (forse) alla gestione alla stipula di mutui e fondi d’investimento.

Sarà la corte a fare chiarezza sulla reale entità della presunta truffa. La vicenda era quando carabinieri e agenti della polizia stradale avevano fermato automobilisti che credevano di essere in regola con la copertura assicurativa ed invece erano in possesso di tagliandi non coperti dall’assicurazione. L’udienza è stata aggiornata al prossimo 19 febbraio 2016.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/01/2018

Leinì, donna entra al Pam e ruba cinque bottiglie di champagne. Invece di fare festa è finita in carcere

E’ entrata nel centro commerciale Pam di Leinì già con l’intenzione di rubare quelle cinque bottiglie […]

leggi tutto...

16/01/2018

Favria, rivoluzione in Comune. Parte l’informatizzazione degli uffici. Investiti 59mila euro

Il Comune di Favria ha avviato un progetto di informatizzazione degli uffici comunali che andrà avanti […]

leggi tutto...

16/01/2018

Ivrea, i teppisti riempiono di schiuma le auto in sosta. La Lega Nord: “In città troppi atti vandalici”

Troppi atti vandalici in città e la Lega Nord Canavese ritiene che sia ora di porre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy