Rivarolo, 31 studenti di Cascia ospiti dell’Aldo Moro. Venerdì sera grande festa dell’arrivederci

Rivarolo Canavese

/

07/04/2017

CONDIVIDI

Gli studenti liceali della città umbra di Cascia, colpita dal terremoto, sono stati ospitati dai colleghi dell'Istituto Superiore Aldo Moro. Una bella prova di solidarietà e di amicizia. L'esperienza sarà ripetuta

Partiranno sabato 8 aprile gli studenti delle due classi liceali di Cascia, uno dei comuni terremotati dell’Umbria, che per una settimana sono stati ospitati dai colleghi dell’Istituto di Istruzione Superiore “Aldo Moro” di Rivarolo Canavese, nel contesto della cultura della solidarietà e dell’accoglienza. L’obiettivo del progetto era quello di fare in modo che i ragazzi fossero in grado di mettersi in gioco per contribuire ad alleviare le difficoltà del prossimo e apprendere quanto gli ostacoli della vita possano essere meno difficili da superare se non si è soli.

La dirigenza dell’Istituto aveva diramato per l’occasione specifici suggerimenti per evitare che la differenziazioni tra metodi didattici potesse provocare significative variazioni. Durante la settimana, alle visite compiute a Rivarolo e in altri suggestivi e storici centri abitati del Canavese si sono affiancate quelle svolte al Museo Egizio di Torino, alla Reggia di Venaria e al centro storico della vicina Aosta. Sabato 8 aprile alle 10,30 i ragazzi umbri lasceranno Rivarolo e torneranno a Cascia.

L’esperienza si è rivelata doppiamente utile sia per gli studenti ospiti che per quelli canavesani che, per sette giorni, hanno trascorso il loro tempo all’insegna della collaborazione, dell’intesa e della solidarietà non virtuale. Gli studenti e i tre insegnanti che li hanno accompagnati sono stati ospitati dalle famiglie dei coetanei rivarolesi. Si è trattato di una bella e positiva esperienza anche per le famiglie come spiega Marina Pomatto: “Abbiamo ospitato 31 allievi di prima e seconda liceo di Cascia con tre insegnanti.  Tutti sono stati accolte dalle famiglie di nostri allievi e da 3 docenti. La settimana  si è svolta con l’inserimento nella mattinata in classe con attività didattica curricolare e al pomeriggio uscite a Torino  e Venezia e una giornata ad Aosta”.

Il progetto è si è concretizzato grazie all’intuizione e all’impegno della professoressa Personnettaz , aiutata per l’occasione dall’ingegner Iacontino.  La settimana ha coinvolto molti docenti dell’IIs Moro e numerosi allievi. Spiega Marina Pomatto: “Si è stabilito con gli ospiti un clima di collaborazione e serenità che sarà continuato anche in futuro. Rapportarsi con chi ha vissuto un tale dramma ha maturato i nostri ragazzi  e anche noi adulti”.

Nella serata di venerdì 7 aprile alle 20,30 si è svolta nell’aula Magna dell’istituto la serata di arrivederci (nelle foto) alla quale hanno preso parte, oltre agli studenti rivarolesi e le loro famiglie, i ragazzi ospiti, il sindaco di Rivarolo Alberto Rostagno e il dirigente scolastico Alberto Focilla. La festa ha ulteriormente suggellato il bel rapporto che i ragazzi hanno stretto in nome dell’amicizia e della solidarietà.

 

le.

Dov'è successo?

Leggi anche

15/09/2019

La Regione stanzia 15 milioni per iniziative di contrasto alla violenza su bambini e adolescenti

L’assessore regionale alle Politiche sociali, Chiara Caucino, annuncia la pubblicazione del bando “Ricucire i sogni”, che […]

leggi tutto...

15/09/2019

Mappano: fugge alla vista del carabinieri e sperona la “gazzella” per fermarli. Arrestato diciassettenne

Quella vecchia Fiat uno che si aggirava di notte nelle strade di Mappano non era sfuggita […]

leggi tutto...

15/09/2019

Ala di Stura: va in cerca di funghi, cade dal sentiero e precipita nella scarpata. Muore un 70enne di Ciriè

E’ morto mentre si stava avventurando in montagna alla ricerca di funghi. Un’altra, ennesima vittima. A […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy