Rivara, nel parco di Villa Ogliani allestito e, inaugurato, l’albero di Natale più alto d’Europa

Rivara

/

08/12/2016

CONDIVIDI

Nel giorno dell'Immacolata inaugurata la rassegna "Presepi da Strada" realizzata dagli alunni delle scuole materna e primaria

Con i suoi 35,10 metri d’altezza è l’albero natalizio vivente  più alto d’Europa: Rivara vanta un primato: l’addobbo della secolare sequoia californiana trapiantata nel parco di Villa Ogliani da oltre un secolo. Alle complicate operazioni di addobbo hanno lavorato alacremente in tanti e il risultato è più che suggestivo. Con l’accensione dell’albero e delle luminarie nel centro storico del paese la celebrazione delle festività natalizie sono entrate nel vivo. Ad accendere il grande e bellissimo albero è stata l’attrice Margherita Fumero (madrina della manifestazione) insieme al sindaco Gianluca Quarelli sulle note dell’Inno alla Gioia suonato dalla banda musicale di Rivara. Nel pomeriggio di giovedì 8 dicembre, giorno dedicato all’Immacolata Concezione, alle ore 14,00 è stata inaugurata la prima edizione dei “Presepi da Strada”.

I tanti allestimenti in esposizione sono stati realizzati dai piccoli alunni della scuola materna e della scuola primaria di Rivara: presepi che oltre ad essere simbolo della Natività e della tradizione cattolico sono anche il simbolo dell’integrazione possibile perché alla costruzione dei presepi hanno partecipato anche alunni di religione mussulmana. Fino al 6 gennaio, giorno dell’Epifania, i visitatori potranno ammirare i presepi collocati nelle vetrine, nei cortili e negli scantinati del paese. Il Natale a Rivara riveste una grande importanza non soltanto simbolica ma anche sociale e umana. E non è tutto: le Serre di Villa Ogliani ospitano la “Terza mostra della Tavoletta” inaugurato alle 15,00 di giovedì 8 dicembre.

L’apertura delle iniziative legate al Natale sono proseguite nel  pomeriggio con il karaoke sotto l’albero che ha avuto luogo nella piazza centrale del paese mentre le associazioni rivaresi hanno distribuito cibo e bevande calde al pubblico presente. E’ stato l’angolo riservato alla solidarietà a chiudere la giornata: sul palco allestito in piazza gli esponenti della Protezione Civile Com5 hanno annunciato al folto pubblico presente che il ricavato delle tante iniziative intraprese a favore delle popolazioni delle regioni dell’Italia Centrale colpite dal terremoto negli scorsi mesi di agosto e di settembre: 23mila euro che sono state destinate ai comuni maggiormente devastati dal sisma. Un Natale speciale, insomma, che dà un maggiore gusto ai prossimi giorni di festa.

Leggi anche

23/08/2019

Chivasso: assessore alle Politiche per la casa o primario in Cardiologia? Moretti sceglie l’ospedale

Martedì 20 agosto il dottor Claudio Moretti ha presentato, al Sindaco Claudio Castello, la sua lettera […]

leggi tutto...

23/08/2019

Costretti a frugare tra gli scarti del mercato. In aumento i nuovi poveri anche in Canavese

Anziani pensionati, esodati, persone rimaste senza lavoro, coppie di precari con figli in tenera età: sono […]

leggi tutto...

23/08/2019

Quassolo: auto esce di strada, sfonda la recinzione e si ribalta in un prato. Feriti due anziani coniugi

La Volkswagen Tiguan ha improvvisamente sbandato è uscita fuori strada e, dopo aver percorso un tratto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy