Rivara, a gennaio 2016 aprirà i battenti la filiale di RivaBanca

Rivara

/

12/10/2015

CONDIVIDI

L'Istituto di credito cooperativo celebra i suoi primi cento giorni di attività all'insegna della centralità territoriale

L’obiettivo già annunciato e che si sta realizzando, è quello di dare vita a una realtà bancaria al servizio del territorio e basata sul microcredito destinato ai privati, agli artigiani e alle piccole aziende. E in un momento in cui la crisi recessiva flagella anche il Canavese, tradizionalmente un’isola felice dal punto di vista economico, RivaBanca si impone in questo scenario come una realtà di rilevante importanza.

A distanza dei primi cento giorni dall’inaugurazione della sede principale, l’Istituto di credito cooperativo a gennaio aprirà anche la filiale di Rivara. Un presidente (Giovanni Desiderio) un consiglio di amministrazione (che ha spontaneamente rinunciato al gettone di presenza e agli emolumenti), un vicepresidente (Giancarlo Buffo), un direttore (Bernardino Naretto), otto dipendenti e due stagisti, diverse centinaia di correntisti, 1.500 soci (cinquanta in più rispetto ad un paio di mesi fa): RivaBanca, dopo aver atteso per quasi due anni il via libera da parte della Banca d’Italia, si propone come una banca di consulenza più che uno sportello prettamente commerciale. Un istituto cooperativo utile non soltanto per ottenere mutui o prestiti, ma anche per dare, se possibile, una svolta alla propria attività professionale alla luce delle mutate esigenze di un mercato fluido, che richiede nuove competenze e che, nel contempo, offre nuove e inedite opportunità.

A Rivara la filiale avvierà l’attività dove un secolo fa aveva sede una banca di credito piemontese. Una location beneagurante che fa ben sperare per il proseguio dell’attività della prima banca territoriale del Canavese. Una realtà economicamente così interessante che anche l’Unione Net, costituita dai comuni della cintura Est di Torino, sta seriamente pensando di istituire un’altra realtà assimilabile a quella rivarolese.

Dov'è successo?

Leggi anche

25/01/2020

Sparone: accordo raggiunto alla Mtd. Salvi 35 dipendenti che avrebbero dovuti essere licenziati

Proprio quando si pensava che la situazione fosse irrimediabilmente compromessa, alla Mtd di Sparone è stato […]

leggi tutto...

25/01/2020

Chivasso: aumenta il consumo di droga a scuola e il preside fa scattare il blitz dei carabinieri

La droga entra a scuola e il preside richiede l’intervento dei carabinieri. È accaduto a Chivasso […]

leggi tutto...

25/01/2020

Ivrea: spacciava droga agli studenti e aveva chiesto asilo politico. In manette 18enne mediorentale

I carabinieri della Compagnia di Ivrea proseguono nell’incessante attività di contrasto al delicato fenomeno dello spaccio […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy