Reddito di cittadinanza, gli assessori Pentenero e Ferrari: “La bozza del decreto non è convincente”

Canavese

/

07/01/2019

CONDIVIDI

I due amministratori regionali esprimono le loro perplessità sul provvedimento. "Una misura universale di sostegno alla povertà esiste già ed è il Rei, reddito di inclusione sociale - sottolineano -. Perchè il governo non ha voluto potenziarla?"

“La bozza di decreto sul reddito di cittadinanza che circola in questi giorni suscita enormi perplessità”: ad affermarlo sono gli assessori della Regione Piemonte al Lavoro, Gianna Pentenero, e alle Politiche sociali, Augusto Ferrari. I due amministratori regionali sottolineano come sia stupefacente, a loro modo di vedere il fatto che le Regioni, che nelle politiche attive del lavoro e nelle politiche sociali esercitano funzioni importanti, non siano citate nel testo e in ogni caso non siano state minimamente coinvolte nella gestazione del provvedimento.

“Entrando nelle questioni di merito, ci chiediamo come sia possibile, ad esempio, pensare che nel giro di pochi mesi siano create due nuove piattaforme informatiche, una per il coordinamento dei centri per l’impiego, nell’ambito del sistema informativo delle politiche del lavoro, l’altra per il coordinamento dei comuni, nell’ambito delle politiche sociali, che dovrebbero ricevere dall’Inps tutti i dati identificativi dei nuclei famigliari ed essere in grado di dialogare efficacemente tra loro – affermano con un punta polemica -. Un’operazione non proprio semplice, che pare irrealistico possa essere messa in piedi in un arco temporale così ridotto”.

E ancora: “Allo stesso modo ci viene difficile credere che i centri per l’impiego, che per svolgere a pieno il loro ruolo, anche indipendentemente dal reddito di cittadinanza, avrebbero bisogno di quel rafforzamento, annunciato da mesi e rimasto per ora sulla carta, dal mese di aprile possano essere dotati di tutti gli strumenti, materiali e immateriali, necessari a diventare il fulcro della nuova misura. Lascia perplessi anche l’istituzione dei cosiddetti navigator, di cui ci piacerebbe conoscere il profilo professionale e per la cui assunzione, ci chiediamo in base a quali criteri, sono stanziati 250 milioni di euro”.

“Una misura universale di sostegno alla povertà esiste già ed è il Rei, reddito di inclusione sociale: ci domandiamo per quale ragione, oltre alla mera propaganda elettorale, il governo non abbia voluto potenziarla, anziché avventurarsi in un provvedimento che, se le anticipazioni fossero confermate, non farà altro che generare false aspettative. Non vorremmo – concludono Gianna Pentenero e Augusto Ferrari – come Regioni restare come con il cerino in mano o fungere da capro espiatorio rispetto a una misura che appare poco efficace: vorremmo al contrario essere coinvolte e svolgere un ruolo propositivo, come abbiamo cercato di avere finora”.

Leggi anche

Ivrea

/

25/06/2019

Economia: a Ivrea il Ceo Thomas Miao racconta l’epopea del colosso cinese della telefonia Huawei

Huawei Italia è stata la protagonista del terzo appuntamento nell’ambito dell’iniziativa “Le imprese si raccontano”, un […]

leggi tutto...

Quincinetto

/

25/06/2019

Frana di Quincinetto, l’Uncem polemizza: “A rendere sicura la A5 devono essere le concessionarie”

E’ l’immobilismo delle società concessionarie dell’A5 Torino-Aosta a preoccupare, e non poco, Marco Bussone, presidente nazionale […]

leggi tutto...

San Giorgio Canavese

/

25/06/2019

San Giorgio Canavese: violento schianto tra auto e moto. Due “centauri” di Forno al Cto di Torino

Due motociclisti sono rimasti feriti in un grave incidente stradale che ha avuto luogo, nel pomeriggio […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy