Quincinetto: un’enorme frana minaccia la frazione Chiapetti e l’autostrada Torino-Aosta

Quincinetto

/

12/06/2016

CONDIVIDI

L'intervento dovrebbe essere radicale e comporterebbe costi ingenti. Al momento si è pensato alla realizzazione di un paramassi

Continua a muoversi. Lentamente, ma inesorabilmente. Mezzo milione di metri cubi di roccia, detriti e terra che rischia di travolgere da un momento all’altro al borgata Chiapetti di Quincinetto e la vicina autostrada Torino-Aosta. La situazione è grave. Tanto grave che il sindaco di Quincinetto, ultimo comune in provincia di Torino al confine con la vicina Valle d’Aosta, Angelo Canale Clapetto, si è dichiarato, se non si interverrà per risolvere la situazione, ad emettere un’ordinanza di chiusura dell’importante arteria stradale che collega il Piemonte alla Valle d’Aosta e l’Italia alla Francia e al Nord Europa.

L’obiettivo è quello di tutelare, come impone la legge ai sindaci, di tutelare per prima cosa la salute pubblica: ossia quella degli amministrati e degli automobilisti che, quotidianamente, percorrono per tratto di autostrada. Le rilevazioni compiute alcune mesi dall’Arpa regionale hanno evidenziato che la situazione è terribilmente seria e che la frana, in alcuni punti potrebbe staccarsi improvvisamente dal fianco della montagna. Il primo cittadino di Quincinetto ha denunciato pubblicamente la situazione. Gli enti interessati hanno convenuto sul fatto che occorrono interventi urgenti, ma hanno anche evidenziato che il problema principale sarà costituito dal reperimento delle risorse. E per mettere in sicurezza quel tratto del fianco montano, di soldi ne occorrono parecchi.

I progetti e le idee, comunque non mancano: probabilmente la soluzione maggiormente praticabile sarà quella di costruire un paramassi della lunghezza di almeno cinquecento metri che servirebbe a evitare che una possibile frana travolga il tratto autostradale. Ma si tratta di una soluzione che non garantisce la sicurezza della frazione Chiapetti, In questo caso sarà necessario studiare e realizzare un progetto diverso è più costoso.

Dov'è successo?

Leggi anche

Canavese

/

23/02/2019

Metà delle coppie che si sposano sceglie il rito civile anzichè quello religioso. Anche in Canavese

Diminuiscono i matrimoni religiois a fronte di un’impennata di quelli celebrari con il rito civile: una […]

leggi tutto...

Ivrea

/

23/02/2019

Ivrea: maltrattava il figlio e la compagna. 34enne condannato a 3 anni e due mesi di reclusione

Ancora violenza sulle donne e sui bambini: per questa ragione un uomo di 34 anni, torinese, […]

leggi tutto...

Chiaverano

/

23/02/2019

Chiaverano: gran successo per l’originale “Battaglia dei tomini” del Carnevale di frazione Bienca

E’ sicuramente uno dei carnevali più originali sia nella forma che nella sostanza: qui non ci […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy