Processo “caro estinto”: l’Asl chiede ai dipendenti “infedeli” 110mila euro di risarcimento

Ivrea

/

10/02/2017

CONDIVIDI

L'azienda ritiene che i danni patrimoniali creati dal personale addetto alle camere mortuarie, debbano essere risarciti

Caro estinto, l’Asl To4 di Ivrea-Ciriè e Chivasso chiede ai quattro imputati presunti “infedeli” (infermieri e operatori socio-sanitari), tramite l’avvocato Andrea Castelnuovo, un risarcimento di 110 mila euro per i danni patrimoniali causati dalla loro condotta.

Nel processo sulle presunte mazzette che i titolari delle agenzie funebri avrebbero versato agli operatori sanitaria che segnalavano i decessi e si preoccupavano di consigliare ai parenti dei defunti a quale agenzia di pompe funebri rivolgersi per un adeguato trattamento.

Alla sbarra sono comparsi sedici imputati (quattro dipendenti dell’Asl e dodici imprenditori). L’Asl To4 chiede anche una “provvisionale” di 60 mila euro. Gli avvocato difensori dei dipendenti dell’azienda sanitaria, nell’udienza che si è svolta nella mattinata di ieri in tribunale a Ivrea, hanno sostenuto la tesi secondo la quale data l’esiguità delle somme che gl’impresari avrebbero corrisposto a coloro che si trovavano in servizio nelle camere mortuarie degli ospedale di Cuorgnè e di Ivrea, il reato di corruzione sarebbe da escludere.

E, in questo caso, basterebbe che il giudice comminasse una semplice una sanzione amministrativa. L’udienza sul “caro estinto” è stata aggiornata. La sentenza è prevista per il prossimo 28 febbraio.  

Dov'è successo?

Leggi anche

19/02/2018

Il sindaco di Valperga Francisca a “Il Punto” di Canavesenews in onda su Torino e Canavese Tv

E’ sindaco di Valperga soltanto da poco più di tre anni e da altrettanto tempo Gabriele […]

leggi tutto...

19/02/2018

Atletica: i canavesani tornano a casa da Ancona con un oro, un argento, un terzo e quarto posto

Un oro, un argento, un quarto ed un ottavo posto, il bottino dell’Azimut Atletica Canavesana ai […]

leggi tutto...

19/02/2018

Leinì: i carabinieri scoprono una centrale dello spaccio di droga pedinando un pusher attivo in paese

Lo spacciatore aveva consegnato la dose ad un cliente tossicodipendente e non si era accorto che […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy