Prezzi “gonfiati” sui generi di prima necessità. Il Conad ritira licenza, marchio e cambia gestione

27/03/2020

CONDIVIDI

Il responsabile del punto vendita di Favria è stato denunciato dagli agenti della Guardia di Finanza

Il consorzio Conad di Bologna e la Cooperativa Conad Nord Ovest ha assunto la decisione di procedere alla risoluzione della licenza d’uso del marchio del “Conad City di Favria”. Il responsabile del punto vendita era stato denunciato alla Procura della Repubblica di Ivrea nei giorni scorsi dagli agenti della Guardia di finanza della Tenenza di Lanzo con l’accusa di presunte “manovre speculative su merci” per aver raddoppiato arbitrariamente i prezzi in offerta dei generi di prima necessità.

Il Consorzio ha ritirato la licenza d’uso a seguito della presunta mancata applicazione del piano promozionale e delle politiche commerciali definite dal Consorzio. La decisione è stata assunta nella mattinata di oggi, venerdì 27 marzo. Il responsabile rischia tre anni di carcere e 25 mila ero di sanzioni.

“La condotta si configura inoltre quale lesiva dell’immagine di Conad e dei soci di Conad”. In tempi rapidi, assicura l’azienda, si procederà al cambio di gestione del punto vendita.

Leggi anche

24/05/2020

Incidente mortale a Candia Canavese: pensionato di 77 anni si ribalta in una scarpata e perde la vita

Quella di domenica 24 maggio è stata una giornata caratterizzata da una lunga scia di sangue […]

leggi tutto...

24/05/2020

Tragedia in Valle Orco: canoista 55enne di Rivarolo Canavese muore nelle acque del rio Piantonetto

Aveva 55 anni Ugo Peroglio. Era residente a Rivarolo Canavese ed era un esperto canoista. Oggi, […]

leggi tutto...

24/05/2020

Coronavirus in Piemonte, l’epidemia arretra. Domenica 24 maggio 43 nuovi positivi e 12 decessi

Alle ore 17,00 di domenica 24 maggio, l’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che i […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy