Pratiglione: tenta di scavalcare la recinzione di casa, ma scivola e muore per soffocamento

Pratiglione

/

08/02/2016

CONDIVIDI

Gli si era rotta la chiave nella serratura. Il medico legale del 118 non ha potuto fare altro che constatare il decesso. Presto l'autopsia

E’ morto impiccato nel tentativo di scavalcare la recinzione della propria abitazione. Il tragico episodio si è verificato nella tarda serata di ieri a Pratiglione. A perdere la vita è stato Giuseppe Turigliatto, 56 anni, residente in via Forno Canavese. Stando ai primi, sommari rilievi effettuati dai carabinieri, l’uomo sarebbe deceduto per soffocamento e per una banalità, oltretutto: come spesso capita l’uomo stava aprendo il portone di casa quando la chiave si è rotta nella serratura. Impossibilitato a entrare in casa, Giuseppe Turigliatto ha pensato bene di scavalcare la recinzione che circonda la villetta.

Il caso, che è sempre in agguato, gli ha fatto probabilmente perdere il punto di appoggio e l’uomo è scivolato in basso mentre rete metallica e vestiti gli si sono strettamente attorcigliati intorno al collo, causando la morte per soffocamento. A causa dell’oscurità nessuno dei vicini si è accorto di quanto era accaduto. E’ stato un passante ad avvertire i soccorsi, ma per quanto il personale sanitario del 118 sia tempestivamente accorso sul luogo del drammatico infortunio, non ha potuto fare altro che constatare il decesso di Turigliatto.

La salma è stata composta nell’obitorio del vicino ospedale di Cuorgnè a disposizione, come avviene in questi casi, a disposizione della magistratura eporediese. Toccherà al magistrato disporre l’esame autoptico per accertare le reali cause della morte.

Leggi anche

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy