Prascorsano, la Dia sequestra oltre un milione di euro alla ‘ndrangheta

Prascorsano

/

25/10/2016

CONDIVIDI

Il tribunale di Torino ha accolto la richiesta avanzata dalla Direzione Investigativa Antimafia. Sigilli anche a due ville

Sequestrati beni per oltre un milione di euro a Giuseppe Salvatore Racco, 41 anni, residente a Prascorsano, ritenuto responsabile della “locale “ della ‘ndrangheta di Cuorgnè. L’uomo era già stato condannato in via definitiva a 5 anni e 5 mesi di reclusione con l’accusa di associazione mafiosa, sequestro di persona e detenzione di armi.

Giuseppe Salvatore Racco, dopo la pronuncia della sentenza si era dato alla latitanza a Santo Domingo dove era rimasto per circa nove mesi, Poi, inaspettatamente, si era costituito ai carabinieri della stazione di Cuorgnè. Il Centro Operativo della Direzione Investigativa Antimafia (Dia) di Torino ha eseguito un decreto di sequestro di beni emesso dal tribunale di Torino.

La proposta di sequestro dei beni appartenenti a Racco era stata avanzata dal direttore della Dia torinese Nunzio Antonio Ferla, al termine di un’articolata e approfondita indagine patrimoniale che avrebbe evidenziato un massiccio reinvestimento di denaro di provenienza illecita condotta in ambito immobilare. Tra i beni sequestrati, di proprietà o riconducibili all’uomo, figurano anche due ville a Prascorsano.

 

Dov'è successo?

Leggi anche

21/09/2019

Rivarolo Canavese: coinvolti in un incidente stradale una ciclista e un “centauro”. Non sono gravi

Due feriti, per fortuna non gravi: è il bilancio di un incidente stradale nel quale sono […]

leggi tutto...

21/09/2019

Venaria: arrestato un pusher che spacciava il “Krokodril”, la droga che provoca cancrene mortali

Si chiama “Krokodil” l’ultima, devastante droga, apparsa sul mercato internazionale. Si ricava dalla codeina e viene […]

leggi tutto...

21/09/2019

Lanzo: perde il controllo dell’auto e sfonda la recinzione della Torino-Ceres. Traffico bloccato per due ore

Dopo aver perso, per cause ancora in via di accertamento il controllo della Toyota Yaris che […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy