Prascorsano, è emergenza batteri: vietato bere acqua dal rubinetto se non precedentemente bollita

Prascorsano

/

05/08/2016

CONDIVIDI

Le analisi dell'Asl hanno costretto il sindaco Perino ad emettere un'ordinanza per tutelare la salute pubblica

Troppi batteri nell’acqua potabile. E’ emergenza in questi giorni a Prascorsano, dove il sindaco Piero Rolando Perino è stato costretto a firmare un’ordinanza in cui si avverte la popolazione di bollire l’acqua del rubinetto prima di consumarla.

A originare il provvedimento emesso a tutela della salute pubblica sono state i risultati delle analisi compiute dal dipartimento di Prevenzione e Igiene dell’Asl To4 di Ivrea in base a un prelievo effettuato nelle condotte idriche del paese. La presenza dei batteri ha reso l’acqua non potabile. Per consumarla è necessario farla bollire per almeno dieci minuti.

L’ordinanza sindacale è stata trasmessa per conoscenza anche alla Smat, la società torinese che gestisce l’acquedotto comunale. L’ordinanza dovrà essere osservata dalla popolazione fino a quando le successive analisi sanitarie non confermeranno che la presenza dei batteri è tornata al di sotto dei livelli di guardia.

Si stanno compiendo, intanto, i dovuti accertamenti per accertare qual è la ragione che ha improvvisamente innalzato la presenza dei batteri nell’acqua.

Dov'è successo?

Leggi anche

Canavese

/

23/02/2019

Metà delle coppie che si sposano sceglie il rito civile anzichè quello religioso. Anche in Canavese

Diminuiscono i matrimoni religiois a fronte di un’impennata di quelli celebrari con il rito civile: una […]

leggi tutto...

Ivrea

/

23/02/2019

Ivrea: maltrattava il figlio e la compagna. 34enne condannato a 3 anni e due mesi di reclusione

Ancora violenza sulle donne e sui bambini: per questa ragione un uomo di 34 anni, torinese, […]

leggi tutto...

Chiaverano

/

23/02/2019

Chiaverano: gran successo per l’originale “Battaglia dei tomini” del Carnevale di frazione Bienca

E’ sicuramente uno dei carnevali più originali sia nella forma che nella sostanza: qui non ci […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy