Ponte Preti: si ricostruisce il muretto crollato mesi fa. Il senatore Bozzello: “Un piccolo regalo di Pasqua”

Strambinello

/

20/04/2019

CONDIVIDI

Sul nuovo parapetto in cemento lungo una quarantina di metri verrà installato un guardrail. Si tratta di un primo passo compiuto verso la messa in sicurezza della vetusta struttura sul Chiusella

Insisti oggi e insisti domani alla fine un rislutato apprezzabile è arrivato: sono stati avviati i lavori per il ripristino di un lungo tratto del parapetto del Ponte Preti a Strambinello che era precedentemente crollati. Il senatore Eugenio Bozzello, nonostante l’avanzare dell’età, sta facendo della sicurezza de quella vetusta struttura, una quotidiana battaglia che ha come obiettivo l’adeguamento strutturale del ponte che scalvalca il torrente Chiusella. I lavori riguardano il muretto in cemento lungo quaranta metri (realizzato nel lontano 1920) situato a margine della carreggiata in direzione Ivrea e che si trova a pochi metri del vecchio muro in pietra.

A ufficializzare la notizia è stato sulla sua pagina social il senatore Bozzello. In sostanza verrà realizzato un muro in cemento armato adiacente al vecchio muro in pietra per 40 metri a partire da una decina di metri prima del ponte arrivando da Castellamonte: sul muretto sarà applicata una soletta per legare i due muri e sulla soletta verrà fissato il guardrail. Una soluzione che consente di allargare la sede stradale di almeno un metro. Una cosa non da poco se si considera che le carreggiate sono così anguste che molto spesso i mezzi pesanti si incastrano.

“E’ certamente una bella notizia. Finalmente dopo la mia segnalazione alle autorità competenti, ivi inclusa la stazione dei carabinieri di Castellamonte che ringrazio, si è iniziato a constatare che i problemi su quel tratto di strada veramente esistono ha commentato sul suo profilo Facebook Eugenio Bozzello -. Un piccolo regalo di Pasqua inaspettato per i canavesani che su quel tratto transitano ogni giorno. Questa volta posso dire che si è preferito intelligentemente intervenire prima di dover soccorrere”.

Adesso si attendono gli interventi più corposi (e costosi) promessi dalla Città Metropolitana.

Leggi anche

20/08/2019

Firmato in Regione l’accordo per incentivare il ritorno degli immigrati nei Paesi d’origine

Vuole dare impulso al rimpatrio volontario assistito il progetto sperimentale contenuto in un accordo firmato il […]

leggi tutto...

20/08/2019

Ceresole, afflusso record di turisti. Il vicesindaco Mauro Durbano: “Merito di tutto il paese”

Ottimi risultati per la stagione turistica a Ceresole. Tantissime le presenze registrate e numerosi gli eventi […]

leggi tutto...

20/08/2019

Canavese: Poste Italiane investe nel decoro urbano e nei servizi destinati ai piccoli comuni

Sei nuovi Atm Postamat installati, 15 barriere architettoniche abbattute, 34 paesi interessati dal progetto “decoro urbano”, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy