Pont: ha patteggiato una pena a 11 mesi la badante romena accusata di circonvenzione d’incapace

Pont Canavese

/

30/05/2019

CONDIVIDI

Vittima un pensionato di 82 anni. La donna di 53 anni si era fatta cointestare conti correnti e un immobile

Ha scelto la strada del patteggiamento la badante romena accusata di circonvenzione d’incapace: 11 mesi e 20 giorni con la sospensione condizionale. Si è concluso in questo modo il processo penale presieduto dal giudice monocratico Elena Stoppini a carico di una 53enne che avrebbe approfittato del carattere mite e debole dell’anziano di 82 anni di cui si occupava. Teatro della vicenda è stato il centro abitato di Pont Canavese.

La donna aveva convinto il pensionato a cointestarle due conti correnti bancari, un deposito postale e un immobile. E non basta: sette anni fa lo aveva anche convinto a sposarla in municipio. A porre fine a quella situazione era stato il sindaco di Pont Canavese Paolo Coppo quando l’anziano si era recato in municipio confessando al primo cittadino di non essere affatto felice.

Il pensionato è adesso ospite della Residenza per anziani del paese. L’ex badante è stata anche condannata a pagare una multa di 200 euro.

Leggi anche

20/08/2019

Firmato in Regione l’accordo per incentivare il ritorno degli immigrati nei Paesi d’origine

Vuole dare impulso al rimpatrio volontario assistito il progetto sperimentale contenuto in un accordo firmato il […]

leggi tutto...

20/08/2019

Ceresole, afflusso record di turisti. Il vicesindaco Mauro Durbano: “Merito di tutto il paese”

Ottimi risultati per la stagione turistica a Ceresole. Tantissime le presenze registrate e numerosi gli eventi […]

leggi tutto...

20/08/2019

Canavese: Poste Italiane investe nel decoro urbano e nei servizi destinati ai piccoli comuni

Sei nuovi Atm Postamat installati, 15 barriere architettoniche abbattute, 34 paesi interessati dal progetto “decoro urbano”, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy