Pont: ha patteggiato una pena a 11 mesi la badante romena accusata di circonvenzione d’incapace

Pont Canavese

/

30/05/2019

CONDIVIDI

Vittima un pensionato di 82 anni. La donna di 53 anni si era fatta cointestare conti correnti e un immobile

Ha scelto la strada del patteggiamento la badante romena accusata di circonvenzione d’incapace: 11 mesi e 20 giorni con la sospensione condizionale. Si è concluso in questo modo il processo penale presieduto dal giudice monocratico Elena Stoppini a carico di una 53enne che avrebbe approfittato del carattere mite e debole dell’anziano di 82 anni di cui si occupava. Teatro della vicenda è stato il centro abitato di Pont Canavese.

La donna aveva convinto il pensionato a cointestarle due conti correnti bancari, un deposito postale e un immobile. E non basta: sette anni fa lo aveva anche convinto a sposarla in municipio. A porre fine a quella situazione era stato il sindaco di Pont Canavese Paolo Coppo quando l’anziano si era recato in municipio confessando al primo cittadino di non essere affatto felice.

Il pensionato è adesso ospite della Residenza per anziani del paese. L’ex badante è stata anche condannata a pagare una multa di 200 euro.

Leggi anche

26/02/2020

Chivasso, misteriosa morìa di carpe nella roggia che scorre vicino alla discarica. Indagini in corso

Sono decine le carpe morte rinvenute oggi, mercoledì 26 febbraio, nella roggia Campagna di Chivasso, nei […]

leggi tutto...

26/02/2020

Caso “sospetto” di Coronavirus a Ciriè, il tampone sul paziente di 63 anni è negativo

Ultim’ora: il tampone effettuato sul paziente di 63 anni che nella serata di ieri si era […]

leggi tutto...

26/02/2020

Caso “sospetto” di coronavirus a Ciriè. Chiuso il pronto soccorso dell’ospedale cittadino

Caso sospetto di coronavirus all’ospedale di Ciriè dove è stato chiuso il pronto soccorso: un uomo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy