Pont Canavese: riprendono le ricerche per risolvere il “giallo” della scomparsa di Elisa Gualandi

18/10/2019

CONDIVIDI

Dal 6 giugno 2018 della donna si sono perse letteralmente le tracce. Il 24 novembre una nuova battuta di ricerca per trovarrne il corpo

Svanita nel nulla: il “giallo” che circonda la scomparsa di Elisa Gualandi, 54 anni, impiegata al Comune di Torino e residente a Pont Canavese s’infittisce. In un vertice che si è svolto nei giorni scorsi in Prefettura a Torino si è deciso di riprendere le ricerche. Domenica 24 novembre, nel contesto di un’esercitazione già programmata del Soccorso Alpino, verrà effettuata l’ennesima battuta di ricerca. Elisa Gualandi, si era trasferita da alcuni mesi da Rivoli in località Villanuova a Pont Canavese.

Il 6 giugno dello scorso anno era uscita, lasciando a casa i suoi adorati gatti e il portafoglio. Con sé aveva portato soltanto il telefono cellulare. Le ipotesi su questa inspiegabile e misteriosa scomparsa sono molteplici e vanno dalla disgrazia, al suicidio fino al rapimento da opera di un altrettanto misterioso individuo con il quale la donna avrebbe potuto avere un appuntamento.

E a nulla sono serviti gli accorati appelli lanciati dalla sorella di Elisa Gualandi nella trasmissione in onda su Rai3 “Chi l’ha visto?” condotto dalla giornalista Federica Sciarelli.

Anche questa volta si tenterà di ritrovare il corpo della donna. Ammesso e non concesso che il corpo possa trovarsi nei crepacci del territorio pontese.

Leggi anche

16/11/2019

Incidente stradale in via Salassa a Oglianico. Nello scontro tra due auto ferita una 23enne di Strambino

Una ragazza di 23 anni è rimasta ferita in seguito a uno scontro tra due autovetture […]

leggi tutto...

16/11/2019

Ivrea, inaugurata in ospedale la “Stanza Aurora” dove si può partorire come a casa

Oggi, sabato 16 novembre, presso l’Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale di Ivrea, diretta dal dottor Fabrizio Bogliatto, […]

leggi tutto...

16/11/2019

La Regione favorevole al nuovo ospedale di Ivrea. La manutenzione di quello vecchio è troppo costoso

L’accordo stretto tra Stato e Regioni ha messo sul tavolo 150 milioni di euro per l’edilizia […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy