Pont Canavese: ottantenne cointesta casa e beni alla moglie romena e finisce in casa di riposo

Pont Canavese

/

12/07/2016

CONDIVIDI

Il sindaco Paolo Coppo ha sporto denuncia ai carabinieri per circonvenzione d'incapace. Nella casa coniugale abitano la donna e i tre figli

Quel matrimonio tra un uomo ottantenne e una cinquantenne di origine romena, a più d’uno era sembrato alquanto anomalo. E del medesimo parere deve essere stato anche Paolo Coppo, sindaco di Pont Canavese che ha inviato una segnalazione ai carabinieri della locale stazione. Poteva essere vero amore, ma avrebbe potuto essere un matrimonio di interesse stipulato tra un anziano e una donna alla ricerca di una possibile sistemazione sociale ed economica. Alla segnalazione è seguita una denuncia con l’accusa di circonvenzione d’incapace.

La vicenda adesso è approdata in tribunale a Ivrea. Prtagoniti della vicenda, ancora tutto da appurare, sono un anziano pensionanato da sempre residente in paese e una esuberante romena cinquantenne, madre di tre figli, che è adesso è indagata dalla procura eporediese. Il motivo? Perché dopo le nozze civili celebrate in municipio l’anziano aveva cointestato alla moglie la casa e due conti correnti bancari. In regime di comunione di beni questo non costituisce affatto un’anomalia. Ma le indagini compiute dai carabinieri di Pont e dalle assistenti sociali dell’Asl To4, che hanno fatto seguito alla denuncia sporta dal primo cittadino, avrebbero accertato che gradualmente l’uomo sarebbe stato emarginato in casa propria dato che nella casa, nel frattempo, si erano stabiliti anche i parenti della moglie.

Nel corso dell’ultima udienza, svoltasi alcuni giorni ha, ha deposto la psichiatra nominata dal tribunale di Ivrea. La consulente ha verificato lo stato psichico del pensionato che, nel frattempo, è ospite di una casa di riposo mentre la consorte risiede regolarmente sotto il tetto coniugale. Gli accertamenti compiuti dalla procura eporediese sono tuttora in corso e spetterà al giudice decidere se agire in giudizio o meno nei confronti della donna.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/10/2019

Pont Canavese: riprendono le ricerche per risolvere il “giallo” della scomparsa di Elisa Gualandi

Svanita nel nulla: il “giallo” che circonda la scomparsa di Elisa Gualandi, 54 anni, impiegata al […]

leggi tutto...

18/10/2019

Piemonte e Canavese: 35 milioni dal ministero dell’Ambiente contro il rischio idrogeologico

Sono quasi 35 i milioni di euro assegnati dal Ministero dell’Ambiente al Piemonte per la mitigazione […]

leggi tutto...

18/10/2019

Il Canavese al Rallylegend di S. Marino: l’equipaggio Diaco-Sparvieri conquista il 3° posto di classe

Successo canavesano al Rallylegend di San Marino. L’equipaggio canavesano Diaco-Sparvieri, firmato Team Fast Drivers, ha conseguito […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy