Dilagano il gioco d’azzardo e l’usura. Sono 28mila i piemontesi e i canavesani con troppi debiti

Canavese

/

18/03/2019

CONDIVIDI

Il Consiglio regionale piemontese ha approvato una legge per contenere il fenomeno del gioco d’azzardo che, anche se legale, è una delle causa principali del sovraindebitamento

Ventottomila famiglie piemontesi sono esposte a indebitamento eccessivo e ben trentaseimila persone sono giocatori d’azzardo a rischio. E il fenomeno E’ quanto emerge dal report di Ires Piemonte a cura dell’Osservatorio regionale sui fenomeni di usura estorsione e sovraindebitamento.

“L’altissima pericolosità sociale del sovraindebitamento e di una delle sue possibili e peggiori conseguenze, l’usura, è ormai riconosciuta trasversalmente dalle varie forze politiche e sociali – dichiara Giorgio Bertola (componente dell’Udp delegato all’Osservatorio regionale sui fenomeni di usura estorsione e sovraindebitamento) -. Per questo motivo l’Osservatorio ha prodotto questa pubblicazione, sulla base della ricerca di Ires Piemonte, allo scopo di offrire suggerimenti utili e concreti. La legislazione regionale e nazionale ha recentemente istituito strumenti efficaci per aiutare le vittime ad uscire dal vortice del sovraindebitamento e dell’usura. L’Assemblea legislativa piemontese ha anche approvato una legge per contenere il fenomeno del gioco d’azzardo che, ancorché legale, è una delle causa principali del sovraindebitamento”.

Secondo il direttore di Ires Piemonte, Marco Sisti, è “evidente il legame tra la crisi da eccessivo indebitamento e il pericolo di essere vittima dell’usura”. Il presidente di Ires Mario Viano e del ricercatore Renato Cogno, evidenziano come i dieci dati statistici che nel report fotografano una situazione decisamente sconfortante: 13.500 (tra il 2015 e il 2017 iscritte al Tribunale di Torino) esecuzioni forzate a carico dei sovraindebitati inadempienti; 55 denunce per reati di usura presentate tra il 2014 e il 2016; 28.000 nuclei familiari ogni anno sono afflitti da un indebitamento eccessivo (come stimato dalla Banca d’Italia); 11.000 persone hanno chiesto prestiti al Monte dei pegni di Torino nell’ultimo biennio; 24% è la soglia oltre la quale il prestito è da considerare usurario (Banca d’Italia, settembre 2018); 36.000 sono i piemontesi giocatori d’azzardo a rischio; 28% è la percentuale di adulti privi di nozioni economiche minimali nel nord ovest italiano; 3.800 sono le persone che si sono rivolte alle Fondazioni antiusura tra il 2015 e il 2017; 346 i casi che hanno avuto beneficio dalla procedura di gestione della crisi da sovra-indebitamento attraverso gli organismi di composizione della crisi dal 2016; 149 le scuole che hanno partecipato ai corsi di educazione finanziaria e cultura della legalità dal 2012 di “Libera Piemonte” e promossi dall’Osservatorio.

Renato Cogno, autore della ricerca con Maria Cristina Marcosano, ha infine spiegato l’importanza “della prevenzione a scuola e nelle famiglie, che ricorrono spesso al credito al consumo ma sono sovente prive di una adeguata educazione finanziaria: le fondazioni antiusura e lo stesso Osservatorio svolgono una importante attività attraverso corsi, come quelli sull’uso responsabile del denaro”.

Leggi anche

26/02/2020

Chivasso, misteriosa morìa di carpe nella roggia che scorre vicino alla discarica. Indagini in corso

Sono decine le carpe morte rinvenute oggi, mercoledì 26 febbraio, nella roggia Campagna di Chivasso, nei […]

leggi tutto...

26/02/2020

Caso “sospetto” di Coronavirus a Ciriè, il tampone sul paziente di 63 anni è negativo

Ultim’ora: il tampone effettuato sul paziente di 63 anni che nella serata di ieri si era […]

leggi tutto...

26/02/2020

Caso “sospetto” di coronavirus a Ciriè. Chiuso il pronto soccorso dell’ospedale cittadino

Caso sospetto di coronavirus all’ospedale di Ciriè dove è stato chiuso il pronto soccorso: un uomo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy