Parella: operaio morì cadendo da una gru. Alla sbarra imprenditore e commercialista

Parella

/

20/11/2016

CONDIVIDI

Secondo l'accusa l'escavatore usato non era idonea a garantire la sicurezza dell'uomo rimasta vittima del tragico infortunio mortale

Sono stati rinviati a giudizio con l’accusa di omicidio colposo in concorso dal Giudice per l’Udienza Preliminare del tribunale di Ivrea Alessandro Scialabba. A processo andranno Igino Calderan, 53 anni e Lorenzo Vernetto, 59 anni, commercialista di Ivrea a causa della morte acccidentale di Alessandro Lupo, 52 anni, residente a Strambino, deceduto dopo essere caduto da un merlo escavatore mentre era intento a potare una pianta nel giardino della villa di proprietà del commercialista. L’uomo si trovava in un cestello metallico sostenuto da un braccio meccanico collegato di una gru (che apparteneva a Igino Calderan) ed era giunto in prossimità della cima dell’albero quando, forse a causa del precario equilibrio della gru, precipitò al suolo da un’altezza di circa 10 metri.

La caduta fu fatale. L’uomo morì sul colpo. L’infortunio mortale ebbe luogo il 7 marzo 2014 sulle colline dell’afiteatro morenico a metà strada tra i comuni tra Parella e Loranzè. A giudizio della procura quel giorno a determinare il decesso di Alessandro Lupo, fu una serie di errori: la gru usata non era idonea a svolgere la potatura e il taglio dell’abero. Ovvero: il macchinario serviva a sollevare materiali, non persone. La gru, tra l’altro, stando ai rilievi effettuati dai carabinieri, poggiava su un terreno insidioso e instabile.

Il professionista è stato chiamato in causa perchè, seppure datore di lavoro per un giorno, non verificò l’ideoneià tecnica e profeessionale dell’impresa di Calderan. In più gl’inquitenti avrebbero accertato tutta una serie di violazioni in materia di sicurezza sul lavoro. I due imputati andramnno alla sbarra nell’udienza del prossimo 14 gennaio. Le parti lese sono sette che si sono costituite parte civile.

Dov'è successo?

Leggi anche

04/04/2020

Coronavirus: per la prima volta volta il numero dei guariti in Piemonte supera quello dei decessi

Trecentoquarantadue pazienti guariti, 546 in via di guarigione. Questo pomeriggio l’Unità di Crisi della Regione Piemonte […]

leggi tutto...

04/04/2020

L’annuncio di Cesare Nosiglia: nella vigilia di Pasqua Ostensione virtuale della Sacra Sindone

In occasione della Pasqua avrà luogo una straordinaria ostensione “virtuale” della Sacra Sindone. Sabato 4 aprile […]

leggi tutto...

04/04/2020

Buoni spesa a Torino: assalto al portale del Comune che è andato in crash. Migliaia le domande

Sono bastati pochi minuti per mandare in crash il sito del Comune di Torino in occasione […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy