Ozegna, regolamento per la lotta al randagismo. Chi adotta un cane non pagherà la tassa rifiuti

Ozegna

/

27/03/2019

CONDIVIDI

Il mantenimento di un animale nei canili costa al Comune 800 euro l'anno. Il provvedimento consentirà all'Amministrazione di risparmiare

La “trovata” per contrastare il randagismo è inconsueta e, a suo modo, decisamente intelligente: chi adotta un cane ospitato nei canili comunali o convenzionati con l’ente locale non pagherà la tassa rifiuti, ovvero la Tari, fino a quando l’animale sarà in vita. Il Consiglio comunale di Ozegna, primo nel suo genere, ha approvato nel corso dell’ultima seduta il regolamento relativo alle modalità di adozione dei cani randagi.

L’iniziativa mira, come è facile comprendere, a invogliare i residenti a prendersi cura dei tanti cani, bisognosi di affetto che purtroppo sono costretti a stare nei canili per anni e talvolta per tutta la loro esistenza. Dati alla mano, il provvedimento, risulta conveniente anche per le casse comunali dato che ogni “trovatello” catturato sul territorio e ospitato nelle strutture, costa all’incirca 800 euro l’anno. Un esborso che è decisamente maggiore alle mancate entrate assicurate dalla Tari.

L’adozione del nuovo regolamento non favorirà comunque i “furbi” che volessero approfittare dell’occasione per evitare di pagare la tassa rifiuti: il Comune veglierà attentamente sulle famiglie che decideranno di adottare il cane effettuando anche controlli a “sorpresa” per verificare che gli animali siano trattati nel migliore dei modi.

La richiesta di adozione deve essere presentata negli uffici comunali.

Leggi anche

23/02/2020

Coronavirus, l’allarme del NurSind: “Il vero pericolo è il sovraffollamento dei servizi sanitari”

Coronavirus, l’allarme del NurSind: “Il vero pericolo è il sovraffollamento e l’intasamento dei servizi sanitari” . […]

leggi tutto...

23/02/2020

Emergenza Coronavirus, annullato il Carnevalone di Chivasso. Scuole e asili nido chiusi fino al 1° marzo

Cancellato. Il Carnevalone di Chivasso, previsto per domenica 1° marzo è stato cancellato a causa dell’emergenza […]

leggi tutto...

23/02/2020

Emergenza Coronavirus: il sindaco Stefano Sertoli sospende lo storico Carnevale di Ivrea

Sospeso per effetto dell’ordinanza emessa in giornata odierna dal presidnete della Regione Piemonte Alberto Cirio. Anche […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy