Operazione “Avatar”: sigilli a 29 società fantasma e 79 conti correnti. Indagate 31 persone

Settimo Torinese

/

13/02/2019

CONDIVIDI

Il valore dei beni sequestrati ammonta a 250 milioni di euro. Chiusa anche l'hamburgheria Eataly di Settimo Torinese. La società di Farinetti si dichiara estranea alla vicenda

Sei imprenditori arrestati e trentuno persone indagate: è il bilancio dell’operazione “Avatar” effettuata dai carabinieri di Torino. Stando a quanto è emerso dalle indagini sia gli arrestati che gl’indagati, mediante intestazioni fittizie e società create ad arte, utilizzando anche identità false e inesistenti, percepivano fondi pubblici e privati attraverso truffe, frodi bancarie e illecite detrazioni fiscali per diversi milioni di euro.

L’inchiesta era partita lo scorso 28 gennaio, quando  i carabinieri del nucleo radiomobile di Torino avevano scoperto un “tesoro” di 1,3 milioni di euro in un deposito storage alla periferia di Torino: venti chilogrammi d’oro in lingotti e mazzette di banconote di vario taglio. In quel contesto era stato arrestato un imprenditore di Settimo Torinese con l’accusa di ricettazione.

Gli uomini dell’Arma hanno effettuato un sequestro da record: 29 società “fantasma”, 79 conti correnti, numerosi immobili, sei auto fuori serie e lingotti d’oro per un valore complessivo di 2,5 milioni di euro. I carabinieri del comando provinciale di Torino hanno attuato un’ordinanza di sequestro preventivo di società e dei patrimoni collegati. Tra le 29 società sequestrate e alle quali sono state messe i sigilli, figura anche l’hamburgheria Eataly di Settimo Torinese.

La società che fa capo all’imprenditore Oscar Farinetti in una nota ha sottolineato la sua “completa estraneità alla vicenda” chiedendo l’immediata cessazione dell’utilizzo del marchio e qualsiasi tipo di legami di affiliazione previsti dal contratto stipulato con una società di franchising alla quale Eataly aveva concesso l’uso del marchio. Il titolare dell’esercizio commerciale era stato il primo degli imprenditori finito in manette perché era intestatario del contratto di affitto del deposito nel quale era custodito il “tesoro” di 1,3 milioni di euro.

Leggi anche

18/11/2019

Sacro Monte, il consigliere regionale Mauro Fava: “Ben vengano i privati, ma il bene deve andare alla Regione”

Le recenti dichiarazioni della contessa Irene Bisiachi hanno riaperto la questione sul futuro del santuario di […]

leggi tutto...

18/11/2019

San Giorgio: incidente di cantiere e l’autostrada Torino-Aosta rimane chiusa. Traffico in tilt

Circolazione in tilt a causa di un incidente che ha avuto luogo in un cantiere allestito […]

leggi tutto...

18/11/2019

Previsioni meteo: ancora pioggia e neve in Canavese e in Piemonte. Settimana all’insegna del maltempo

La nuova ondata di maltempo è già attesa per la serata di oggi, lunedì 18 novembre. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy