Operaio di Montanaro muore schiacciato in piazza Castello a Torino da un furgone “impazzito”

Montanaro

/

08/05/2016

CONDIVIDI

La donna che si trovava in compagnia della vittima si è salvata perchè l'uomo l'ha spinta di fianco. Indagano carabinieri e polizia municipale

Stava passeggiando in tutta serenità nella centralissima piazza Castello a Torino insieme alla compagna quando un furgone è sbucato a tutta velocità e lo ha investito schiacciandolo contro un chiosco-edicola proprio davanti allo storico Palazzo Madama. E’ morto così, in una tragedia senza senso, Alberto Boccato, un operaio di 45 anni, residente a Montanaro. La donna si è salvata perchè l’uomo, prima di essere investito in pieno dal furgone appartenente ad una nota lavanderia, l’ha spinta di fianco.

Il drammatico incidente ha avuto luogo ieri era, intorno alle 23,00. Il conducente dell’automezzo Giuseppe L. 49 anni, residente a Trofarello avrebbe perso il controllo del furgone forse colto da un malore improvviso ed è sbucato come una scheggia impazzita sulla piazza seminando il panico tra le tante persone che stavano passeggiando. I soccorsi sono stati tempestivi, ma il personale medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo. L’autista del furgone è stato ricoverato all’ospedale San Giovanni Bosco di Torino in stato di shock dove è stato sottoposto agli esami clinici previsti dal protocollo sanitario.

L’uomo sarebbe risultato negativo all’alcoltest. Sulla dinamica del tragico incidente indagano gli agenti della polizia municipale di Torino e i carabinieri, che stanno esaminando le immagini registrate dalle telecamere installate nel palazzo regionale che controlla tutta la piazza. Sull’asfalto non ci sono tracce di frenata.

Dov'è successo?

Leggi anche

Chivasso

/

19/09/2017

Chivasso: ladro cerca di introdursi di sera nella casa di riposo per rubare e finisce in galera

E’ stato arrestato con l’accusa di tentato furto e resistenza dopo aver tentato di introdursi con […]

leggi tutto...

Balangero

/

19/09/2017

Balangero: beve e minaccia la vicina di casa con il fucile. Un 63enne è stato arrestato dai carabinieri

E’ stato arrestato con l’accusa di minacce aggravate e detenzione di armi clandestine e munizioni: nei […]

leggi tutto...

19/09/2017

Sanità: l’Asl To4 contatterà e rassicurerà i pazienti ai quali sono state impiantate le protesi Ceraver

Diversi professionisti si trovano agi arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta giudiziaria relativa a quello che è stato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy