Domenica 19 scadono i termini della custodia cautelare e la Abbattista potrebbe tornare in libertà

Ivrea

/

17/02/2017

CONDIVIDI

Toccherà al Gup decidere sulla questione. La madre di Gabriele Defilippi ha scelto il rito ordinario

Caterina Abbattista, 49 anni, madre di Gabriele Defilippi, accusata insieme al figlio maggiore e a Roberto Obert di Forno Canavese, di concorso nell’efferato omicidio dell’ex insegnante di sostegno Gloria Rosboch di Castellamonte, da domenica 19 febbraio potrebbe tornare in libertà. Niente più arresti domiciliari per la donna, ex operatrice socio-assistenziale presso gli ospedali di Cuorgnè e di Ivrea perché, come hanno spiegato i suoi legali, Gianpaolo Zancan e Tommaso Levi, avendo scelto di affrontare il rito ordinario, domenica 19 febbraio scadranno i termini della custodia cautelare nella casa del compagno Silvio Chiappino.

L’ultima decisione spetta al Gup del tribunale di Ivrea Alessandro Scialabba. Dal canto suo Giuseppe Ferrando, procuratore capo di Ivrea, nel corso dell’udienza che ha avuto luogo nella mattinata di giovedì 16 febbraio, ha chiesto al giudice che disponga l’obbligo di dimora per Caterina Abbattista. Se il Gup accoglierà la richiesta, la donna non potrà allontanarsi da Gassino, il paese della collina torinese dove la donna ha abitato con i figli negli ultimi anni dopo aver lasciato Castellamonte.

Dov'è successo?

Leggi anche

San Francesco al Campo

/

10/12/2017

San Francesco al Campo: ritrovate vuote le casseforti rubate che contenevano le pistole della polizia locale

Le ricerche dei carabinieri hanno dato i loro frutti: le due casseforti blindate che nei giorni […]

leggi tutto...

Castellamonte

/

10/12/2017

Castellamonte: le poesie della cuorgnatese Rosanna Frattaruolo aiuteranno i bimbi vittime di violenza

Nella serata di giovedì 7 dicembre presso la sala congressi Pietro Martinetti di Castellamonte, è stata […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

10/12/2017

Cuorgnè: la sezione marinai ha commemorato sotto la neve i caduti periti sulle navi da guerra

Anche quest’anno la sezione cittadina dei Marinai di Cuorgnè ha voluto onorare i propri caduti: forse […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy