OMICIDIO POMATTO: E’ ANCORA GIALLO SULL’IDENTITA’ DEL SUO ASSASSINO

Rivarolo Canavese

/

12/02/2016

CONDIVIDI

I carabinieri, coordinati dalla Procura di Ivrea, stanno scavando nel passato della vittima. Era entrato in un giro troppo pericoloso?

Chi ha ucciso il felettese Pierpaolo Pomatto nella fredda campagna della frazione di Vesignano di Rivarolo il 19 gennaio “freddato” con un colpo di pistola alla nuca? Le indagini proseguono serrate, ma fare luce su questo efferato delitto non sembra un’impresa facile. La procura di Ivrea lo aveva già anticipato. A uccidere l’uomo, 66 anni originario e residente a Feletto, conosciuto da tutti nella zona, è stato (o sono stati) un professionista. Lo dimostrano il fatto che l’uomo sarebbe stato attirato in trappola (la sua auto era stata ritrovata dagli investigatori nel parcheggio del Pam di Rivarolo) e il fatto che proiettile e bossolo non siano stati ritrovati nonostante le accurate ricerche compiute dagli inquirenti.

Nessuna traccia utile, nessuna impronta, nessun elemento che possa far prefigurare, al momento, uno scenario credibile. Pierpaolo Pomatto ha pagato a caro prezzo un suo possibile errore e quelle banconote false trovate vicino al cadavere potrebbero costituire un messaggio diretto a chi lo deve ricevere o il tentativo di un depistaggio. Il giallo si fa ancora più intricato. I carabinieri, coordinati dalla procura stanno scavando nel passato di Pomatto, hanno passato al setaccio telefonate compiute e ricevute e hanno interrogato numerose persone che lo hanno frequentato. Può essere che l’uomo abbia cercato di entrare in un giro più grande lui e che abbia commesso un errore di troppo che ha pagato con la vita. Prima o poi gl’inquirenti troveranno il bandolo di questa intricata matassa.

 

Dov'è successo?

Leggi anche

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy