Oglianico, la Teknoservice salta i passaggi e i cassonetti traboccano di rifiuti maleodoranti

Oglianico

/

29/10/2015

CONDIVIDI

Il sindaco di Oglianico Leonardo Vacca è pronto a intraprendere iniziative nei confronti dell'azienda che si occupa del servizio

C’è qualcosa che non funziona in Alto Canavese nella gestione del servizio della raccolta dei rifiuti. A Oglianico, ad esempio, monta la protesta dei residenti perché in alcune vie i passaggi degli operatori “saltano” di frequente, con il risultato che i cassonetti traboccano di sacchetti che emanano esalazioni maleodoranti. Sgradevoli odori che entrano nelle abitazioni, creando disagio tra i residenti. Ed è da qualche settimana che il disservizio si ripete. Ne sanno qualcosa anche gli abitanti di Salassa, Bosconero e Feletto. Gli utenti hanno segnalato più volte il problema al numero verde dell’azienda e l’assicurazione per tutti è stata che la società avrebbe provveduto a risolvere il problema. Ma a quanto pare, al momento, non è successo nulla. A parte il fatto che se entro 48 ore il passaggio non viene effettuato, il Comune provvede a scalare il costo del mancato servizio, il disagio per i residenti permane.

Leonardo Vacca, sindaco di Oglianico ha già preso nota del problema e ha intenzione di chiedere una volta per tutte spiegazioni alla Teknoservice, l’azienda che ha sostituito l’ex Asa di Castellamonte nella raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani. “E’ già da qualche settimana che si verificano episodi legati al mancato passaggio dei mezzi in alcune vie della città, con conseguente disagio della popolazione – spiega il primo cittadino -. Non sono a conoscenza delle ragioni, ma il prossimo 2 novembre in occasione dell’elezione dei nuovi vertici della CCA, avrò occasione di parlare con gli altri miei colleghi e, se la situazione non si risolverà, penseremo a quale iniziativa intraprendere per fare in modo che la regolarità del servizio sia ripristinata in brevissimo tempo”.

La gente è stufa e sostiene che in due anni la situazione, rispetto a due anni fa, quando era l’ex Asa a gestire il servizio, non è migliorata di molto. L’unica differenza è costituita dalle bollette. Che sono più salate rispetto al passato.

Dov'è successo?

Leggi anche

05/08/2020

Sono ventitré i candidati al corso di formazione in Canavese per Operatori sociali di comunità

Sono 23 le persone selezionate per partecipare al corso per operatori sociali di comunità in Canavese, […]

leggi tutto...

05/08/2020

Coronavirus in Piemonte: due i decessi. Scende il numero dei ricoveri, ma aumentano i contagi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che, alle ore 17,00 di mercoledì 5 agosto, i […]

leggi tutto...

05/08/2020

Travolto e ucciso da un treno in transito. 72enne muore nei pressi di Torrazza Piemonte

Travolto e ucciso dall’Intercity in transito. A perdere la vita è stato un uomo di 72 […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy