Oglianico, la Pro loco ha festeggiato i suoi primi quarant’anni

Oglianico

/

03/10/2015

CONDIVIDI

Una gustosa apericena e una scatenata serata in discoteca: la pioggia non ha frenato l'entusiamo di organizzatori e pubblico

E’con un’apericena e una scatenata serata con la discoteca “Energia” che la Pro loco di Oglianico ha festeggiato quest’oggi i suoi primi quarant’anni. La pioggia battente non ha spento l’entusiasmo degli organizzatori dell’evento e neanche i numerosi partecipanti. Quarant’anni. Ne ha fatta di strada l’Associazione turistica che da tempo promuove e organizza eventi per valorizzare il territorio non soltanto dal punto di vista artistico e culturale ma anche da quello del recupero della storia locale, quando il territorio era popolato dai Salassi. E non a caso le “Idi di Maggio di Oglianico”, nata quasi per gioco è diventata una rievocazione storica di tutto rispetto richiesta anche da altre regioni, Liguria in primis.

Quest’angolo di Canavese, 1.500 residenti, conserva ancora suggestive testimonianze del tempo che fu: la Torre medievale, la cappella di Santo spirito, i caseggiati rurali. Eppure qui la pro loco, guidata dal presidente Ambrogio Toffanin, grazie all’impegno di quanti lo hanno preceduto, ha compiuto dei piccoli miracoli. Quest’oggi, al riparo della tensostruttura che ospita tutti gli avvenimenti più importanti che caratterizzano la vita della collettività si è festeggiato in sana spensieratezza. Sul palco si sono alternati tutti i presidenti che hanno guidato la pro loco dalla sua fondazione fino ad oggi.

La soddisfazione del sindaco Leonardo Vacca è palpabile: “E’una festa che testimonia l’attaccamento della nostra gente alla sua Pro loco – spiega il primo cittadino -. Non è solo questione di attività ricreative o storiche, che pure sono importanti, ma è la testimonianza concreta che la collaborazione, i valori del volontariato, lo scambio di idee e di esperienze sono il vero segreto del successo ottenuto dall’associazione”. Il fatto inoltre, che nel sodalizio stiano facendo il loro ingresso diversi giovani, fa ben sperare per il futuro. “I giovani sono la garanzia della continuità – conclude il sindaco -. Il testimone passerà a loro che dovranno fare del loro meglio per preservare e far conoscere le bellezze del loro paese. E sono certo che ci riusciranno”.

Dov'è successo?

Leggi anche

04/06/2020

Caselle: l’aeroporto torinese ha ottenuto la certificazione Airport Customer Experience Accreditation

L’Aeroporto di Torino ottiene la certificazione Airport Customer Experience Accreditation di ACI-Airport Council International, l’associazione di […]

leggi tutto...

04/06/2020

Canavese: on line o sul campo tutti al lavoro i 51 volontari del Servizio civile della Città Metropolitana

I volontari che hanno vinto il bando per il Servizio civile universale sul territorio della Città […]

leggi tutto...

04/06/2020

Droga al “volo”. Arrestato pusher che lanciava le dosi ai clienti che passavano in bicicletta

È arrivato con la “metro” in piazza Nizza, poi ha proseguito a piedi verso via Belfiore […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy