Notte d’inferno al carcere di Ivrea. Tre agenti feriti e suppellettili date alle fiamme dai detenuti

Ivrea

/

26/10/2016

CONDIVIDI

Ci sono volute oltre sei ore per sedare la violenta protesta. Ferma condanna del sindacato autonomo della polizia penitenziaria. Tre agenti feriti

Un intero braccio del carcere messo a ferro e fuoco: i detenuti della casa circondariale di Ivrea hanno dato vita a un’altra notte di inferno. Drammatico il bilancio della rivolta: tre guardie penitenziarie ferite e materassi e suppellettili delle celle dati alle fiamme. E’ accaduto alle 23,30 di martedì 25 e le 5,00 di mercoledì 26 ottobre. Protagonisti alcuni detenuti che avevano espresso violente esternazioni nei confronti della direzione dell’istituto di correzione e che, per questa ragione, erano stati trasferiti nella quarta sezione.

La polizia penitenziaria è intervenuta per salvare i carcerati dalle fiamme e per sedare la rivolta: tre agenti sono stati violentemente aggrediti dai reclusi e hanno riportato contusioni varie. E’ stato soltanto dopo oltre sei ore che nella sezione la situazione è tornata alla normalità.

Anche in quest’ennesimo episodio di violenza ai danni delle guardie carcerarie l’Osapp (l’organizzazione sindacale autonoma della Polizia Penitenziaria) interviene con durezza. Il segretario generale Leo Beneduci evidenzia come sia sempre sempre  più  evidente l’incapacità  degli  enti  dell’amministrazione  penitenziaria,  a  partire  dai  vertici romani,  di  provvedere  all’attuazione di una  gestione  oculata  trasparente  ed economicamente produttiva  delle carceri  italiane. A giudizio del segretario generale dell’Osapp, qualcosa non quadra nell’organizzazione dell’amministrazione penitenziaria nazionale. Nonostante la popolazione carceraria sia diminuita del 25% grazie al fatto che nell’ultimo triennio siano stati applicati tre decreti “svuota carceri”, di fatto si sono decuplicati i reati, i danneggiamenti, risse, aggressioni e i suicidi dei detenuti.

“Una situazione che, tra  l’altro,  crea un  aggravio  di spese  ed  un  incremento  dei  rischi  a carico  della  collettività” sostiene Leo Beneduci che, per quanto concerne la casa circondariale di Ivrea, sottolinea come sia necessario adottare provvedimenti urgenti e radicali per evitare che la situazione degeneri e per fare in modo, tra l’altro, che “le normali attività non si svolgano se non al quotidiano prezzo del danno all’incolumità personale degli agenti di polizia penitenziaria in servizio”.

Dov'è successo?

Leggi anche

03/08/2020

Coronavirus, la Regione Piemonte non è in grado di eliminare il distanziamento a bordo dei mezzi pubblici

La Regione Piemonte non è nelle condizioni di eliminare il distanziamento a bordo dei mezzi pubblici […]

leggi tutto...

03/08/2020

Coronavirus in Piemonte: due i deceduti. 13 contagiati in più rispetto a ieri. Oggi 9 guariti

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che, alle 16,30 di oggi, lunedì 3 agosto, i […]

leggi tutto...

03/08/2020

Ciriè: un uomo di 57anni scompare da casa. Ricerche in corso. L’appello della famiglia

Si è allontanato da casa a Ciriè nella serata di giovedì 30 luglio e da allora […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy