Non si ferma all’alt e cerca di speronare una gazzella dei carabinieri. Arrestato 22enne di Rivarolo

Rivarolo Canavese

/

07/09/2017

CONDIVIDI

Il giovane guidava, ubriaco, l'auto a forte velocità. E' stato acciuffato dai militari dopo un lungo inseguimento. Condannato per "direttissima" a otto mesi di reclusione

Era alla guida di una Peugeot 208 che andava ad elevata velocità per le vie di Rivarolo, domenica notte, quando è stato notato da una pattuglia di carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Ivrea in servizio perlustrativo, che gli hanno intimato l’alt. Alla loro vista, L.M., 22enne di Rivarolo Canavese, si è dato subito alla fuga, cercando prima di seminare i militari con manovre pericolose e repentine, andando contromano e percorrendo dei tratti a zig zag, e poi tentando anche di speronare la “gazzella” dell’Arma, senza riuscirci. Una volta raggiunto e fermato, il giovane si è scagliato contro i due carabinieri, cercando invano di colpirli con pugni e calci fino a quando è stato bloccato e accompagnato in caserma, a Ivrea.

Sottoposto ad accertamento con etilometro, il 22enne ha riportato un tasso alcolemico tre volte superiore al consentito. Nella autovettura su cui viaggiava i militari hanno rinvenuto, occultati vicino al sedile anteriore lato guida, un cacciavite di circa 23 centimetri ed una chiave a pappagallo, entrambi strumenti atti ad offendere portati senza giustificato motivo. Il giovane è stato quindi arrestato in flagranza per resistenza a pubblico ufficiale e denunciato anche per guida in stato di ebbrezza e porto di armi o strumenti atti ad offendere.

Dopo la convalida dell’arresto, avvenuta lunedì mattina innanzi al Gip di Ivrea, si è tenuto il processo con rito direttissimo, a conclusione del quale L.M. è stato condannato ad otto mesi di reclusione, con sospensione condizionale della pena. Su disposizione del Tribunale di Ivrea, la sua patente di guida è stata sospesa per un anno e 8 mesi.

Dov'è successo?

Leggi anche

Caselle

/

24/11/2017

La procura ha incaricato il casellese Mauro Esposito di far luce sulla tragedia di piazza San Carlo

Sarà l’architetto casellese Mauro Esposito, l’imprenditore casellese  testimone di giustizia che ha svelato la presenza della […]

leggi tutto...

Castellamonte

/

24/11/2017

Castellamonte/Ozegna: violento scontro tra auto sulla provinciale. Due feriti di San Giusto e San Giorgio

Uno scontro violentissimo tra due auto ha fatto finire in ospedale entrambi i conducenti degli automezzi: […]

leggi tutto...

Cantoira

/

24/11/2017

Violento incendio a Cantoira: grazie a WhatSapp i residenti nel paese salvano il bosco

E’ grazie all’applicazione per smartphone WhatSapp che è stato possibile circoscrivere un violento incendio che avrebbe […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy