Nole: i ladri rubano una “Panda” per smontarla e rivendere i pezzi. Arrestati dai carabinieri

Nole Canavese

/

16/05/2016

CONDIVIDI

L'utilitaria è una delle auto più rubate perchè è tra le più richieste dal mercato illegale della componentistica

Le Fiat Panda? Sono tra le utilitarie più vendute, su questo non c’è dubbio. Lo dimostrano i dati. Lo straordinario risultato registrato da Fca che si è affermata sul mercato nazionale con una crescita del + 17%, dimostra che la nuova politica attuata da Sergio Marchionne nella strategia economica aziendale, è vincente. Le “Panda” sono tra le auto, prodotte dall’azienda automobilistica italiana, più vendute degli ultimi anni.

E se la piccola utilitaria piace molto agli acquirenti, piace anche ai malviventi che alimentano continuamente il mercato illegale delle auto rubate e della componentistica. Lo dimostra il fatto che sono tra i veicoli maggiormente presi di mira dai ladri d’auto. L’ultimo episodio, in ordine di tempo, ha avuto luogo a Nole Canavese dove i carabinieri della Compagnai di Venaria hanno arrestato Davide Crosetto, 28 anni residente in paese e Antonio Mititiero, 39 anni, di San Carlo Canavese, con l’accusa di ricettazione.

I due uomini sono stati sorpresi in flagranza di reato dai carabinieri mentre erano intenti a tagliare alcune parti della carrozzeria di una Fiat Panda rubata alcuni giorni prima. I pezzi ricavati dallo smontaggio della scocca erano probabilmente destinati ad essere venduti nel mercato nero.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/01/2020

Ceres, le ambulanze erano impegnate. Pensionato trasportato in pick up fino all’eliambulanza del 118

Per essere trasbordato a bordo dell’eliambulanza del 118 un anziano è stato necessario usare un pick […]

leggi tutto...

19/01/2020

Chivasso: tamponamento sull’A4 Torino-Milano. Cinque i feriti. Grave in ospedale un 35enne

Due auto semidistrutte e cinque feriti: è il drammatico bilancio di un grave incidente stradale che […]

leggi tutto...

19/01/2020

A fuoco le colline tra Frassinetto e Pont Canavese. E tra i residenti riaffiora l’incubo dei roghi

Le colline dell’Alto Canavese bruciano ancora e tra i residenti riaffiorano il ricordo e la paura […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy