Nole, i carabinieri sequestrano a una donna di etnìa sinti una maxi-discarica a cielo aperto

Nole Canavese

/

23/12/2016

CONDIVIDI

La donna, 54 anni, è stata denunciata per illecita gestione dei rifiuti

In quell’area non asfaltata di circa duecento metri quadrati erano state illecitamente stoccati quasi tre tonnellate di rifiuti pericolosi e non. Una vera e propria discarica abusiva a cielo aperto che è stata sequestrata, nella mattinata di giovedì 22 dicembre dai carabinieri della stazione di Fiano che hanno denunciato una donna di 54 anni di etnia sinti residente a Nole con l’accusa di gestione illecita di rifiuti.

Nell’area i carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico avevano rinvenuto olii esausti, parti e componenti di autovetture, pneumatici cavi in rame, vecchi televisori, computer ed elettrodomestici vari. Tra i beni sequestrati alla donna figura anche un autocarro. A seguito delle indagini svolte dai carabinieri la donna si offriva di ritirare i rifiuti contenente metallo alle persone (numerose) che avevano intenzione di smaltire i rifiuti nelle apposite isole ecologiche di Grosso, Nole e Grosso.

Dopo aver raccolto il metallo, la donna lo rivendeva come privata ai rottamai, che, anche se autorizzati alla raccolta del metallo, non possono per legge acquistare dai privati.

Gl’investigatori stanno indagando per appurare se la stessa cosa accadeva negli altri “ecocentri” allestiti nella zona.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/02/2018

Caselle, torna il parcheggio a pagamento. Adesso si potranno usare bancomat e carta di credito

A Caselle, dopo mesi di parcheggio libero e a volte caotico, tornano le strisce blu: dal […]

leggi tutto...

22/02/2018

Salerano: Ottino si dimette da sindaco, il prefetto scioglie il consiglio e commissaria il comune

Lascia l’Italia per raggiungere la famiglia in Portogallo e Salerano, comune di poco più di 500 […]

leggi tutto...

22/02/2018

Borgaro: i vandali danneggiano il monumento del Grande Torino. Ed è polemica

Non c’è limite all’imbecillità e non c’è limite alla mancanza di rispetto per la memoria dei […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy