Nole Canavese: esplode una bombola di gas in cucina. Pensionato vedovo, salvo per miracolo

Nole Canavese

/

12/12/2017

CONDIVIDI

La deflagrazione è stata violenta ma l'anziano, per sua fortuna, non ha riportato gravi ferite. L'uomo è stato soccorso dai sanitari del 118

Ha rischiato la vita e per un puro miracolo si è salvato da una morte sicura a causa dell’esplosione di una bombola a gpl: è accaduto nel pomeriggio di lunedì 11 dicembre, intorno alle 13,00 in un’abitazione di via Faletti 8 a Nole Canavese. Secondo una prima ricostruzione il pensionato, rimasto vedovo, stava cucinando il pranzo quando la bombola di gpl che alimentava la cucina è esplosa.

La deflagrazione è stata così violenta da sventrare porte e finestre. Ma nonostante questo, l’uomo ha portato la bombola all’aperto per evitare conseguenze peggiori.

Sono stati i vicini a chiamare i soccorsi. Nell’arco di pochi minuti sul luogo dell’esplosione sono intervenuti i vigili del fuoco che dopo aver ispezionato da cima a fondo l’abitazione hanno messo in sicurezza tuta l’area interessata dall’esplosione. L’uomo è stato soccorso dall’équipe medica del 118.

La deflagrazione non avrebbe provocato ustioni o traumi importanti ma dato che il pensionato è cardiopatico è stato trasportato in via del tutto precauzionale al pronto soccorso del vicino ospedale di Ciriè. L’uomo non è in pericolo di vita.

Dov'è successo?

Leggi anche

06/06/2020

Uccide a 14 anni un riccio a calci: gli animalisti appendono uno striscione di insulti e minacce

È accusato di aver ucciso un riccio a calci un adolescente di 14 anni residente in […]

leggi tutto...

06/06/2020

Piemonte, sì della Regione alla formazione professionale, agli impianti di risalita e ai Luna Park

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha firmato l’ordinanza che dispone dal 6 giugno la […]

leggi tutto...

06/06/2020

Lombardore, espugnato il fortino della droga difeso da telecamere. I carabinieri arrestano operaio-pusher

Una fitta rete di telecamere. Così l’operaio-pusher di 27 anni di Lombardore difendeva il suo fortino […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy