Natale di dolore a Rivara: un malore fulminante ha stroncato la vita di don Raffaele Paradiso

Rivara

/

22/12/2016

CONDIVIDI

Il sacerdote aveva 58 anni. In pochi anni si era guadagnato la stima e l'affetto dei parrocchiani

Stroncato da un infarto fulminante mentre si trovava in canonica: il parroco di Rivara, don Raffaele Paradiso è stato ritrovato cadavere questa mattina, giovedì 22 dicembre da alcuni parrocchiani. Il rapido intervento del personale medico del 118 si è rivelato vano: il cuore del sacerdote aveva già smesso di battere.

Sul luogo sono intervenuti i carabinieri della Compagnai di Venaria Reale. Don Raffaele Paradiso aveva compiuto 58 anni. La notizia della sua scomparsa ha profondamente colpito e addolorato l’intera comunità rivarese che in don Raffaele aveva trovato un importante punto di riferimento umano e spirituale. Il suo modo di fare, la sua disponibilità e generosità avevano fatto breccia nel cuore di molti giovani che frequentavano la chiesa parrocchiale di Rivara.

Il sacerdote era originario di Cerignola: entrò in seminario del 2002 e nel 2007 era stato ordinato sacerdote. Compì dapprima la sua gavetta nelle periferie di Torino, alcune considerate “difficili” e poi arrivò l’ordine di trasferimento a Rivara. Il paese è in lutto e le imminenti feste natalizie saranno per tutti i rivaresi, un po’ più amare.

 

Dov'è successo?

Leggi anche

17/01/2020

Banchette: cade nel vuoto dal balcone al terzo piano. Ragazza di 25 anni grave al Cto di Torino

È caduta dal terzo piano ed è ricoverata in gravi condizioni al Cto di Torino. Protagonista […]

leggi tutto...

17/01/2020

Rivarolo, il sindaco Alberto Rostagno ha scelto: Michele Nastro è il quinto assessore in Giunta

Il sindaco di Rivarolo Canavese Alberto Rostagno ha sciolto il nodo gordiano del quinto assessore: l’ex […]

leggi tutto...

17/01/2020

Ivrea: detenuto colpito da legionella è grave in ospedale. Controlli sanitari dell’Asl nel carcere

Ivrea: detenuto 50enne colpito da legionella è grave in ospedale. Controlli sanitari nel carcere. È ricoverato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy