Muore a 73 anni per cause naturali e la figlia la veglia per dieci giorni. Orrore a Corio Canavese

18/04/2018

CONDIVIDI

I carabinieri, chiamati dal nipote dell'anziana, hanno rinvenuto il cadavere accanto al divano del tinello. La figlia soffre di problemi intellettivi. La procura di Ivrea ha aperto un'inchiesta

Ha vissuto per due settimane vegliando il cadavere della madre 73enne: l’incredibile vicenda ha avuto luogo a Corio in un’abitazione di località Case Novello 14. Protagonista di questa macabra vicenda dai contorni anche da chiarire è la figlia 41enne della donna. E’ accaduto nella giornata di ieri, martedì 17 aprile. A lanciare l’allarme è stato il nipote della donna deceduta, un agricoltore di 55 anni residente a Scalenghe: da tempo non sentiva i famigliari e, in particolar modo la zia paterna, e si era recato appositamente presso l’abitazione della parente temendo che fosse accaduta una disgrazia.

Nella casa, disposta su tre piani, sono immediatamente intervenuti i carabinieri che hanno rinvenuto il corpo dell’anziana, deceduta per cause naturali, in avanzato stato di decomposizione come ha constatato il medico legale dell’Asl T04. Il medico ha anche ipotizzato che la morte possa risalire a una decina di giorni or sono.

Il corpo dell’anziana si trovava accanto a un sofà dal quale forse era caduta nel tinello al primo piano della casa. I carabinieri hanno denunciato per omissione di soccorso la figlia di 41 anni che, probabilmente a causa del ritardo mentale di cui soffre, ma che è sconosciuta ai servizi psichiatrici dell’Asl T04, non ha saputo in che modo comportarsi quando si è verificata la disgrazia.

La donna è stata ricoverata in stato di forte shock all’ospedale di Ciriè. Sulla vicenda il pm eporediese Chiara Molinari un fascicolo e ha disposto l’autopsia per la conferma delle cause del decesso della donna di 73 anni e la data esatta del decesso. Con le due donne viveva un cagnolino che è stato peso in cura dai servizi comunali. Nessuno a Corio si era accorto di nulla anche se sovente madre e figlia si recavano in centro per fare la spesa. La vicenda ha destato una comprensibile impressione in tutta la comunità.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/10/2019

Pont Canavese: riprendono le ricerche per risolvere il “giallo” della scomparsa di Elisa Gualandi

Svanita nel nulla: il “giallo” che circonda la scomparsa di Elisa Gualandi, 54 anni, impiegata al […]

leggi tutto...

18/10/2019

Piemonte e Canavese: 35 milioni dal ministero dell’Ambiente contro il rischio idrogeologico

Sono quasi 35 i milioni di euro assegnati dal Ministero dell’Ambiente al Piemonte per la mitigazione […]

leggi tutto...

18/10/2019

Il Canavese al Rallylegend di S. Marino: l’equipaggio Diaco-Sparvieri conquista il 3° posto di classe

Successo canavesano al Rallylegend di San Marino. L’equipaggio canavesano Diaco-Sparvieri, firmato Team Fast Drivers, ha conseguito […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy