Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Ivrea

/

18/10/2018

CONDIVIDI

Depositate le motivazioni della sentenza. Per i giudici non si può provare oltre ragionevole dubbio la colpevoleza degli imputati e il nesso di causalità tra amianto e cancro

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in relazioni ai decessi per cancro: in più non è possibile provare oltre ragionevole dubbio il nesso di causalità tra l’esposizione all’amianto e l’insorgenza delle malattie che hanno ucciso diversi dipendenti. Il fatto, quindi, non sussiste. Sono queste, in sintesi, le motivazioni che hanno determinato l’assoluzione nello scorso mese di aprile, degli ex manager e i vertici dell’Olivetti, tra i quali figuravano l’ingegnere Carlo De Benedetti, il fratello Franco De Benedetti e l’ex ministro Corrado Passera.

In sostanza, secondo i giudici della Corte d’Appello di Torino allo stato attuale delle cose non è possibile provare la responsabilità degli imputati. Il tribunale di Ivrea aveva condannato in primo grado tutti e 13 gli imputati. La sentenza della Corte d’Appello di Torino ribalta quella dei colleghi del giudizio di primo grado. Dirigenti e vertici dell’azienda erano accusati di essere responsabili della morte di 10 operai tra il 2008 e il 2013 a causa dell’esposizione al talco di amianto.

Nelle motivazioni depositate dopo 90 giorni dalla sentenza si spiega che, per quanto concerne il dibattito scientifico sulla correlazione tra la prolungata esposizione alla polvere di amianto e l’insorgenza delle malattie tumorali “registra posizioni variegate e in continua evoluzione stante il continuo progredire delle conoscenze medico epidemiologiche in materia, gli approdi in tema di effetti dell’esposizione all’agente cancerogeno amianto sul l’organismo umano – scrivono i giudici -. Alcuni di tali approdi hanno messo in profonda crisi – secondo questa Corte – l’impianto accusatorio di questo procedimento”.

Dov'è successo?

Leggi anche

04/06/2020

Volpiano: asili nido privati senza soldi. E il Comune anticipa i contributi del ministero dell’Istruzione

Il Comune di Volpiano ha anticipato agli asili nido privati e alla scuola paritaria dell’infanzia operanti […]

leggi tutto...

04/06/2020

Coronavirus in Piemonte: 12 i decessi (nessuno oggi 4 giugno). In discesa il numero dei nuovi contagi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che, oggi giovedì 4 giugno, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...

04/06/2020

Caselle: l’aeroporto torinese ha ottenuto la certificazione Airport Customer Experience Accreditation

L’Aeroporto di Torino ottiene la certificazione Airport Customer Experience Accreditation di ACI-Airport Council International, l’associazione di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy