E’ morta dopo quattro giorni di agonia la studentessa tamponata sul raccordo Torino-Caselle

Caselle

/

27/10/2016

CONDIVIDI

L'incidente si era verificato nel pomeriggio di domenica scorsa. Clarissa Di Modugno, 23 anni, è deceduta a causa di un grave trauma cranico

E’ durata quattro giorni l’agonia della studentessa che domenica scorsa era stata tamponata da un’auto mentre stava viaggiando a bassa velocità a causa di una coda formatasi per un tamponamento sul raccordo autostradale di Torino-Caselle. Clarissa Di Modugno, 23 anni, residente a Torino, è deceduta questa mattina, giovedì 27 ottobre, nel reparto di rianimazione dell’ospedale San Giovani Bosco di Torino dove era stata ricoverata subito dopo l’incidente stradale.

Il gravissimo trauma cranico e le fratture riportate in diverse parti del corpo a causa dell’urto si sono rivelate fatali. Il tragico incidente stradale si era verificato nel primo pomeriggio di domenica: la giovane, che viaggiava a bordo della propria Fiat Cinquecento era stata violentemente tamponata da un’Audi condotta da un uomo di 50 anni.

A causa del violento urto l’utilitaria si era incastrata sotto un camion che la precedeva. L’investitore era stato denunciato con l’accusa di lesioni gravi, ma con il decesso della ragazza sarà accusato di omicidio stradale.

Il personale medico del 118 e i vigili del fuoco, che avevano estratto il corpo della giovane dalle lamiere contorte dell’abitacolo, si erano subito resi conto che le condizioni dell’investita erano molto gravi. Nonostante la disperata corsa in ambulanza in ospedale e gli sforzi dei medici, Clarissa non ce l’ha fatta.

I rilievi erano stati effettuati dagli agenti della sezione della polizia stradale di Chivasso.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/01/2020

Approvato all’unanimità il conferimento del Sigillo della Regione Piemonte alla senatrice Liliana Segre

E’ stata votata ed approvata all’unanimità in Consiglio Regionale la proposta di conferire, ai sensi degli […]

leggi tutto...

21/01/2020

Karate: il 2020 inizia sotto i migliori auspici per la Rem Bu Kan di Rivarolo che si fa onore a Cavallermaggiore

Il 2020 è iniziato sotto i migliori auspici per la Rem Bu Kan di Rivarolo Canavese, […]

leggi tutto...

21/01/2020

Front: ferito in un incidente noto gallerista d’arte, proprietario del castello di Rivara

È uscito di strada, per cause ancora in via di accertamento, mentre era al volante della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy