Montanaro: troppi batteri nell’acqua dei rubinetti. A scuola si beve la “minerale” in bottiglia

Montanaro

/

19/09/2018

CONDIVIDI

Le analisi effettuate dall'Asl T04 non lasciano adito a dubbi. Comune, Azienda Sanitaria e Smat al lavoro per ovviare al problema e garantire il ritorno alla normalità in pochi giorni

L’anormale concentrazione di batteri nell’acqua erogata dalla rete idrica comunale costituisce un pericolo e nella scuola elementare “Walter Fillak” gli alunni berranno acqua minerale imbottigliata. Succede a Montanaro. Nella mattinata di oggi, mercoledì 19 settembre. Le analisi effettuate dall’Asl T04 non lasciano adito a dubbi: nell’acqua che fuoriesce dai rubinetti della scuola, la concentrazione batterica è lievemente superiore a quella consentita. Il Comune si è già attivato per scoprire la causa della contaminazione e per garantire la salute dei bambini che frequentano il plesso scolastico comunale.

L’impianto idrico scolastico sarà ispezionato, assicurano in municipio, per far in modo che la soglia batterica non sia nuovamente superata. Il sindaco Giovanni Ponchia non ha emesso nessuna ordinanza perchè l’azienda sanitaria ha consentito al Comune di ovviare il problema entro dieci giorni.

“A scopo precauzionale, presso tutto il plesso scolastico di via Caffaro angolo Via Ubertini, sede delle scuola Primaria, della Scuola d’Infanzia e della Mensa Comunale, viene vietato, fino a successiva comunicazione, l’utilizzo dell’acqua per scopi potabili” ha comunicato il primo cittadino sui social network. A scopo precauzionale nell’intero plesso scolastico di via Caffaro che ospita la scuola primaria, la scuola d’Infanzia e della mensa comunale, si utilizzerà, fino a nuovo ordine, soltanto acqua minerale.

Il sindaco Giovanni Ponchia assicura che sono attualmente in corso i necessari controlli eseguiti in collaborazione con il servizio Igiene e degli Alimenti dell’Asl T04 e la Smat (la società torinese che gestisce la rete idrica della maggior parte dei comuni piemontesi), per ovviare al più presto al problema riscontrato.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/10/2019

Ivrea, detenuto 35enne tenta di impiccarsi in cella. Salvato in extremis dalla polizia penitenziaria

Un detenuto italiano di origini sudafricane, 35enne, in carcere per omicidio, condannato all’ergastolo (ergastolo), mentre si […]

leggi tutto...

19/10/2019

Il presidente della Regione Alberto Cirio visita le eccellenze imprenditoriali del territorio canavesano

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio si è recato nella mattinata di giovedì 17 ottobre […]

leggi tutto...

19/10/2019

Approda ad Agliè il tour di Lia Laghi, l’educatrice che promuove la conoscenza del linguaggio dei cani

Sabato 26 ottobre farà tappa in Piazza Castello ad Agliè il tour di Lia Laghi, educatrice […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy