Montanaro, la stella rossa sul murales del partigiano divide il paese

Montanaro

/

06/06/2015

CONDIVIDI

 

Un murales dive in due il paese di Montanaro. E’ quello dedicato alla memoria del partigiano Giuseppe Prono, il giovane partigiano di Montanaro che ha perso la vita durante la guerra di Liberazione  sulle montagne di Cereso in Val di Lanzo a soli 19 anni. Il giovane militava nella brigata Garibaldi e il suo ricordo vive nel murales realizzato dal collettivo grafico milanese Volkswiterz su bozzetto del fumettista Zerocalcare e che campeggia nel muro di cita della scuola elementare Pertini. Il pomo della discordia è la stella rossa (simbolo appunto della brigata Garibaldi) che campeggia nel Murales. Una stella che proprio non piace all’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Ponchia. Quella stella rossa, disegnata dietro alla testa del giovane partigiano, non era prevista nel bozzetto originario approvato dal Comune e autorizzato.

Il primo cittadino, eletto un anno fa (vicino al centrodestra) non ha nessuna intenzione di amministrare un paese diviso in due dalle polemiche e ha chiesto la cancellazione di quella stella rossa così scomoda. Il primo agosto dovrà essere rimossa dagli ragazzi del collettivo milanese che ha realizzato il murales. In caso contrario il sindaco Ponchia deciderà che cosa fare e non esclude neanche la possibilità di dimettersi.

I giovani del Collettivo Volkswiterz replicano a muso duro e sottolineano che si sono sempre “sempre mossi nel rispetto delle iniziative a cui abbiamo partecipato, peraltro sempre a titolo gratuito, proprio perché crediamo fermamente nei valori della Resistenza, riteniamo che anche il nostro lavoro meriti rispetto. anche a dispetto delle polemiche e delle discussioni che potranno esserci in consiglio comunale. polemiche che, mi permetta, ai nostri occhi sembrano un po’ strumentali. Su quel muro oltre al volto di Giuseppe, che abbiamo cercato di raffigurare fiero, e non malinconico, c’è il simbolo che portava con orgoglio, insieme ad un fazzoletto rosso al collo».

Zerocalcare, uno dei fumettisti più famosi d’Italia e autore del bozzetto, esprime la propria opinione e rimarca che la stella rossa non tradisce il senso del suo disegno. Intanto le polemiche tra simpatizzanti dei centrodestra e centrosinistra continuano a infiammare il paese.

Leggi anche

28/05/2020

Coronavirus, l’ora donata dai dipendenti Nova Coop va a sostegno della Croce Rossa piemontese

Nel mese di aprile i dipendenti di Nova Coop, la cooperativa di consumatori con 64 punti […]

leggi tutto...

28/05/2020

Coronavirus in Piemonte: anche oggi numeri incoraggianti. Un solo decesso e contagi in calo

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che giovedì 28 maggio, i pazienti virologicamente guariti, cioè […]

leggi tutto...

28/05/2020

E’ arrivata in Piemonte “Amnèsia”, la super marijuana che fa perdere la memoria. Ed è allarme

Il variegato mercato delle sostanze stupefacenti non cessa di “sfornare” nuove droghe, sempre più potenti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy