Mistero sulla morte di un pensionato ritrovato cadavere nel lago di Viverone. E’ suicidio?

Viverone

/

30/11/2016

CONDIVIDI

L'uomo, che pare soffrisse di depressione, prima di buttarsi in acqua si è legato alcuni pesi da palestra alle caviglie. Ma su questa morte aleggia il giallo

Si tratta probabilmente di un suicidio ma le cause della morte un uomo di sessantaquattro anni sono al vaglio dei carabinieri e sono ancora avvolte da un alone di mistero. L’uomo, P.C., residente a Occhieppo Superiore è morto annegato nella gelide acque del lago di Viverone. E’ accaduto alle ore 14,00 di ieri, martedì 29 novembre. Una tragedia che non ha ancora una spiegazione. Il pensionato avrebbe agito con estrema lucidità e questo starebbe a dimostrare (il condizionale è d’obbligo) la chiara intenzione di togliersi la vita: dopo essersi legato con lo spago alcuni pesi da palestra ad entrambe la caviglie, l’uomo si è buttato nel lago, nei pressi di Punta Becco.

Quando il corpo è stato ritrovato le forze dell’ordine, allertate dalla famiglia, lo stavano cercando da diverse ore. Secondo una prima e del tutto provvisoria ricostruzione effettuata da investigatori e inquirenti, pare che da tempo il pensionato soffrisse da tempo da una grave forma di depressione. Gli uomini dell’Arma hanno ritoevato l’auto della vittima a poca distanza dal luogo in cui si è consumato il dramma.

E’ forse per sfuggire al buio tunnel costituito dalla patologia psichica che, probabilmente, ha deciso di porre fine a una vita che non sembrava più tale. Sul luogo del ritrovamento sono intervenuti il 118 con l’elisoccorso. Il cadavere è stato estratto dall’acqua dagli uomini del gruppo subacqueo dei Vigili del fuoco di Biella e di Torino. Il medico legale ha constato il decesso e ha certificato che la morte è sopraggiunta per annegamento. La salma dell’uomo è stata composta nelle camere mortuarie dell’ospedale di Biella a disposizione dell’autorità giudiziaria. I carabinieri stanno indagando a tutto campo anche perché non si può, al momento, escluso che il suicidio non sia tale.

Dov'è successo?

Leggi anche

30/03/2020

Coronavirus: 88 guariti e 61 decessi in Piemonte. Risultato positivo, ma la guardia rimane alta

Ottantotto guariti. Nel pomeriggio di oggi, lunedì 30 marzo, l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha […]

leggi tutto...

30/03/2020

Coronavirus: il tasso di raddoppio dei contagi è sceso da 2,4 a 7,2 giorni. L’epidemia (forse) rallenta

L’assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi ha reso noto che il tasso di raddoppio dei contagi […]

leggi tutto...

30/03/2020

Il governatore del Piemonte Cirio al Governo: “l’ex Embraco fabbrichi mascherine e respiratori”

Il governatore del Piemonte Cirio al governo: “l’ex Embraco fabbrichi mascherine e respiratori”. Nel futuro immediato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy