I medici di montagna guadagnano meno dei colleghi di pianura? Sì al contributo compensativo

Ceresole Reale

/

14/02/2019

CONDIVIDI

La proposta dell'assessore regionale alla sanità Saitta: aumentare il numero di borse di studio in Medicina generale, mentre i Comuni dovranno pensare agli aspetti strettamenti logistici, offrendo facilitazioni nei costi degli ambulatori e nell’attivazione dei servizi connessi

I medici di base che lavorano nei conmuni montani guadagnano meno dei colleghi che esercitano la professione nelle città di pianura? La soluzione c’è e potrebbe consistere in un patto operativo con le amministrazioni comunali e con i sindacati dei medici per garantire la presenza di medici di famiglia e pediatri nei piccoli Comuni e nelle aree montane. È la proposta lanciata dall’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta nell’incontro avuto in assessorato con gli amministratori dei Comuni di Roccavione, Lanzo, Acceglio, Sestriere, Ormea, Pray, Venasca, San Michele Mondovì, Novello, Bastia Mondovì e Frabosa Soprana, accompagnati dai vertici di Anci Piemonte (il presidente Alberto Avetta, i vicepresidenti Gianluca Forno e Michele Pianetta) e di Uncem Piemonte.

In una nota stampa l’assessore regionale alla Sanità precisa: “Siamo al lavoro per trovare nell’immediato una risposta alla carenza di medici sui territori, un problema nazionale che nei prossimi anni rischia di trasformarsi in una vera emergenza a causa del numero insufficiente di borse di studio erogate dal Governo. Come Giunta regionale siamo pronti ad approvare un provvedimento per assicurare un contributo aggiuntivo per i medici di famiglia e i pediatri che decideranno di operare nei Comuni e nelle aree con poca popolazione”.

Nella sostanza: l’intenzione dell’assessorato alla Sanità è quella di adottare un piano che riguarda 15 diverse aree del Piemonte, dove oggi operano 178 medici di famiglia e 35 pediatri, individuate in particolare in base alla bassa densità abitativa. Si tratta di un atto che avrà effetto immediato, con l’obiettivo di far fronte alle situazioni più critiche.

Nei mesi scorsi la Regione aveva già deciso di aumentare il numero di borse di studio in Medicina generale: nel triennio 2018/21 saranno 70 in più, per un totale di 189.

“Oltre a premiare chi deciderà di operare nei piccoli Comuni e nelle aree montane, la Regione incentiverà i medici che sceglieranno di associarsi e dunque fornire un servizio più appropriato alle esigenze del territorio – sottolinea Saitta -. La nostra proposta è che le amministrazioni comunali si facciano invece carico degli aspetti logistici, offrendo facilitazioni nei costi delle sedi degli studi e nell’attivazione dei servizi connessi. Ora il passaggio fondamentale – aggiunge l’assessore Saitta – sarà la discussione e la condivisione di questo progetto con le organizzazioni sindacali dei medici di famiglia”.

Leggi anche

18/09/2019

Previsioni meteo in Canavese: l’arrivo della perturbazione porta con sè piogge e temporali

Queste le previsioni metereologiche di mercoledì 18 settembre: AL NORD Mattinata instabile sulle regioni nord-orientali con […]

leggi tutto...

17/09/2019

Dal 26 al 30 settembre la Festa dell’Uva a Carema per i 52 anni della Doc, frutto di cultura millenaria

Da giovedì 26 a lunedì 30 settembre a Carema con la 67ª Festa dell’Uva e del […]

leggi tutto...

17/09/2019

Rivarolo: il sindaco Rostagno conferirà la cittadinanza onoraria al vescovo Luigi Bettazzi

L’appuntamento è da annoverare tra quelli da non perdere: domenica 29 settembre il sindaco di Rivarolo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy