Mazzè: cane meticcio ucciso a martellate e sgozzato. Un operaio condannato a quattro mesi

Mazzé

/

19/07/2017

CONDIVIDI

L'imputato aveva raccontato di avere ucciso il cane perchè i genitori non lo volevano. Il povero animale è morto per emorragia

Condannato dal giudice del tribunale di Ivrea a una pena di quattro mesi di reclusione per aver ucciso il proprio cane, un meticcio di 11 mesi, dopo avergli tagliato la gola e averlo colpito a martellate: protagonista di quest’assurda vicenda è un operaio di Mazzè di 48 anni. Il cane fu ucciso, come ha ammesso in aula l’imputato, perchè in sostanza i suoi genitori non volevano l’animale in casa e perchè stava attraversando un momento di particolare stress. L’incredibile episodio ha avuto luogo nel mese di maggio del 2014. Dopo aver ucciso l’animale, l’uomo lo seppellì nel giardino di casa.

A chiamare il Canile di Caluso era stato un vicino di casa dell’operaio agricolo, allarmato dai lamenti messi da un meticcio di grossa taglia. I responsabili della struttura avvisarono a loro volta i carabinieri della stazione di Caluso che si trovarono di fronte ad uno spettacolo orripilante. Il cadavere fu disseppellito e il veterinario accertò che il povero meticcio era morto a causa di una profonda ferita da taglio alla gola. Stando alle indagini pare che l’uomo abbia infierito sul povero animale perché troppo vivace.

All’indomani del tragico accaduto numerosi animalisti si recarono a Mazzè per protestare con quell’atto barbaro e disumano. Oggi è giunta la sentenza penale. Il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a otto mesi.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/10/2018

Cuorgnè: domenica 21 ottobre “Gran Castagnata” e “Passerella Cinofila” in piazza Martiri

Con l’arrivo dell’Autunno tornano in Canavese le tradizionali “Castagnate”: domenica 21 ottobre sarà la volta di […]

leggi tutto...

Canavese

/

16/10/2018

Trapianto di polmoni a cuore fermo al “Maria Vittoria”. Il donatore è un 40enne canavesano

Primato all’ospedale Maria Vittoria di Torino: l’équipe chirugica diretta dal professor Emilpaolo Manno ha eseguito, oggi, […]

leggi tutto...

Chivasso

/

16/10/2018

Chivasso: dopo quattro anni riapre nel 2019 la sede Inps. Il sindaco Castello: “Stop ai disagi”

Nel 2015, la notizia della chiusura della sede Inps di via Demetrio Cosola a Chivasso, fu […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy