Mappano: intossicazione nella mensa scolastica. Malori per trenta bambini e due maestre

Mappano

/

15/05/2016

CONDIVIDI

L'Istituto Zooprofilatttico di Torino ha evidenziato al presenza di tossine rilasciate da un bacillo. L'azienda che prepara e serve i pasti: "Stiamo indagando, ma potrebbe trattarsi di influenza intestinale"

E’ forse tutta colpa di un bacillo la causa di seri problemi intestinali che hanno colpito decine di bambini che frequentano la mensa della scuola elementare “Falcone” di Mappano. E’ accaduto poco più di una settimana fa, ma la notizia ha iniziato a circolare da ieri. Trenta alunni, dopo aver pranzato in mensa, si sono sentiti male. Alcuni si sono recati al vicino ospedale di Ciriè mentre altri si sono rivolti al pediatra di fiducia. I sintomi sono quelli di una classica intossicazione alimentare: diarrea, nausea, mal di pancia. Sintomi però, anche di una influenza intestinale, di quelle che in primavera fanno strage. Anche due maestre si sarebbero sentite male. Ma in un paio di giorni i disturbi si sono dissolti e tutto pare essere tornato alla normalità.

In ogni caso l’episodio ha innescato i controlli di routine da parte dell’Asl To4 e dell’Istituto Zooprofilattico di Torino. Sotto accusa sarebbero il passato di verdura e le patate arrosto servite durante il pasto di mezzogiorno. L’Istituto Zooprofilattico avrebbe rivenuto nei cibi, la presenza di tossine rilasciate dal “Bacillus Cereus”, un bacillo di tipo comune che può contaminare il cibo nelle varie fasi della lavorazione dei pasti. Alla scuola “Falcone”, come stragrande maggioranza dei casi, i pasti vengono preparati in un apposito centro cottura e poi trasportati e serviti a scuola.

Sulla vicenda sta attivamente indagando anche la Camst, la società che ha in appalto il servizio di preparazione e di consegna dei pasti nella maggior parte delle scuole in provincia di Torino. L’azienda ha sottolineato che intende verificare se il problema si è verificato in un suo centro di cottura, ma evidenzia anche, nello stesso giorni si sono sentiti male anche gli alunni di una scuola vicina che non è servita dall’azienda. Insomma, per la Camst si tratterebbe di un’influenza intestinale. Gli accertamenti sanitari sono ancora in corso e riguardano 500 bambini: i sanitari stanno analizzando anche i cibi consumati durante le settimane precedenti la presunta intossicazione alimentare.

Dov'è successo?

Leggi anche

25/09/2018

“Strada Gran Paradiso”: la visita al castello di Valperga conclude le escursioni di fine estate

Ultimo fine settimana di settembre e ultima escursione di fine estate-inizio autunno per Strada Gran Paradiso. […]

leggi tutto...

Volpiano

/

25/09/2018

Volpiano: alla scuola di musica della Filarmonica il nome del presidente dell’Anbima Piero Cerutti

Volpiano ha ricordato Piero Cerutti, il presidente provinciale dell’Anbima, l’associazione nazionale che rappresenta le bande musicali […]

leggi tutto...

San Giusto Canavese

/

25/09/2018

San Giusto, l’appello di “Libera” sulla villa confiscata ad Assisi: “Sia restituita alla collettività”

Ancora un Appello di Libera Piemonte riguardante la villa che era di proprietà del narcotrafficante latitante […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy