Manifestazione “Si Tav”, il testimone di giustizia Mauro Esposito: “Oggi qui la ‘ndrangheta non c’è”

Torino

/

10/11/2018

CONDIVIDI

Nilo Durbano, sindaco di Venaus, da sempre contrario all'Alta Velocità, ha affermato che in piazza a Torino, oltre a corrotti e corruttori, ci sarebbe stata anche la criminalità

“Oggi in piazza non c’è la ‘ndrangheta. Io rappresento la Legalità e scendo in piazza certo di fare la cosa giusta. Se avessi il solo minimo dubbio che la manifestazione fosse di quella matrice evidentemente non potrei in nessun modo partecipare. Anzi la presenza di un testimone di giustizia deve essere la garanzia che ‘dove c’è il Gatto il Topo scappa’”.

In mezzo ai trentamila partecipanti alla manifestazione “Si Tav” che ha avuto luogo alle 11,00 di oggi, sabato 10 novembre in piazza Castello a Torino c’era anche Mauro Esposito, il testimone di giustizia di Caselle che ha contribuito a svelare la infiltrazioni della criminalità organizzata nella bassa Val di Susa. Un’affermazione che risponde a quella del sindaco di Venaus Nilo Durbano (da sempre contrario all’Alta Velocità che in un commento a un post pubblicato su Facebook dal responsabile organizzativo del Pd Saverio Mazza aveva affermato a proposito della manifestazione a favore della Tav: “Sabato senza bandiere ci saranno tutti: CasaPound, ‘ndrangheta, Pd, professionisti falliti, corrotti, corruttori…”.

Parole che hanno suscitato un vespaio. Al coro di coloro che condannano fermamente le affermazioni del sindaco di Venaus si aggiunge quello di Mauro Esposito, un uomo e un professionista che, per stare dalla parte della legalità, ha rischiato il fallimento e la vita.

Alla mobilitazione che si è posta l’obiettivo di rilanciare lo sviluppo e l’economia torinese e regionale, hanno preso parte imprenditori, amministratori comunali e tanti cittadini canavesani. La manifestazione è stata promossa dalle associazioni “Sì lavoro” e “Sì Torino va Avanti”.

Dov'è successo?

Leggi anche

31/05/2020

Coronavirus in Piemonte: 9 i pazienti deceduti, 325 i guariti rispetto a ieri e 54 i nuovi contagiati

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che oggi, domenica 31 maggio, i pazienti virologicamente […]

leggi tutto...

31/05/2020

Rivarolo, “Aiutaci ad aiutare”. Ecco come destinare il 5X1000 ai Vecchi Pompieri 1912 Onlus

Sono sempre attivi i membri dell’Associazione “Vecchi Pompieri 1912” di Rivarolo Canavese, che in questi mesi […]

leggi tutto...

31/05/2020

Turismo in Canavese: riaprono le strade provinciali delle Valli di Lanzo e della Valle Orco

Rese famose in tutto il mondo dal passaggio del Giro d’Italia al Colle delle Finestre e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy