Manca il personale: il sindacato proclama lo stato di agitazione alla Rsa “Barucco” di Valperga

Valperga

/

02/04/2019

CONDIVIDI

L'SHC Sanità ha scritto all'azienda, all'Asl T04, al Prefetto di Torino e al sindaco Francisca richiedendo la convocazione urgente di un tavolo di confronto per risolvere le gravi criticità che riguardano la struttura

Stato di agitazione per il personale in servizio alla Rsa “Barucco” di Valperga che l’Asl T04 ha affidato in gestione alla “CM Service” che ha sede a Cascinette d’Ivrea: lo ha proclamato l’organizzazione sindacale SHC Sanità, alla quale è iscritta parte del personale addetto. L’organizzazione sindacale ha inviato venerdì 29 marzo una lettera alla direzione generale dell’Asl T04, al Prefetto di Torino, alla CM Service e al sindaci di Valperga Gabriele Francisca nella quale si annuncia l’avvio dello stato di agitazione e si evidenziano, nel contempo, le problematiche con le quali devono fare i conti le infermiere, le operatrici socio-sanitarie e le ausiliarie.

Nel richiedere la convocazione urgente di un tavolo di confronto, l’organizzazione sindacale ribadisce che “i lavoratori della struttura CM Service hanno manifestato più volte la volontà di rivedere l’organizzazione del lavoro, ricordando più volte alla struttura la precarietà in cui si trovano a lavorare”.

In sintesi le problematiche riguardano la carenza di personale, la presenza di un solo operatore socio sanitario su 38 ospiti, l’aumento della burocrazia amministrativa che toglie tempo all’assistenza degli ospiti, la mancanza di manutenzione e il fatto che, in alcune camere dei degenti, si sarebbero verificate “perdite di acqua, lampadine fulminate e mancanza di ausili”.

Non sono bazzecole quelle che denunciato i dipendenti attraverso il sindacato di categoria: la lista dei problemi diventa lunga come la Quaresima: “Su assenze individuali (malattia, infortuni, permessi e ferie) – si legge nella lettera -, la stessa struttura pur avvisata per tempo non copre il turno, imponendo al personale in servizio di coprire il turno scoperto specialmente dopo lo smonto notte, mettendo a rischio la propria salute e quella dell’ospite”.

Punti sui quali l’Organizzazione sindacale intende vedere chiaro confrontandosi non soltanto con l’azienda ma anche con l’Asl T04, il sindaco di Valperga e il Prefetto affinché il personale possa lavorare meglio e a pagare, anche in termini di qualità del servizio, non siano gli ospiti.

Leggi anche

18/11/2019

Autostrada A5, percorribili le corsie per Torino. Per la riapertura verso la Val d’Aosta ancora 48-72 ore

Dopo cinque ore di chiusura forzata, dovuto ad un incidente di cantiere che ha messo a […]

leggi tutto...

18/11/2019

Aumentano le tariffe dei trasporti. La deputata Pd Bonomo: “Ennesima batosta per i pendolari”

“L’aumento delle tariffe per il servizio di trasporto pubblico nel settore extraurbano, deliberato dall’Agenzia per la […]

leggi tutto...

18/11/2019

Caluso: all’hotel Erbaluce serata conviviale del Lions Club dedicata alla Stazione spaziale internazionale

Una serata dedicata all’astronomia e all’avventura umana nello spazio: è quella organizzata dal Lions Club Caluso […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy