Il maltempo devasta il Canavese: a Castellamonte il vento scoperchia la sede della Croce Rossa

09/01/2018

CONDIVIDI

Ingenti danni In tutto il Canavese: strade chiuse in Valle Orco a causa della caduta degli alberi, interruzione di energia elettrica, allagamenti in quasi tutti i comuni. I vigili del fuoco hanno lavorato ininterrottamente per tutta la notte

Gli esperti avevano previsto l’arrivo dell’ondata di maltempo che la notte scorsa ha spazzato il Canavese e la pianura torinese, ma nessuno si aspettava che fosse così violenta. Ne sanno qualcosa a Castellamonte, dove l’edificio che ospita la sede del Comitato locale della Croce Rossa e della Smat è stato letteralmente scoperchiato. Un danno non da poco e ancora da quantificare: il vento fortissimo ha lasciato scoperte centinaia di metri quadri con conseguente allagamento dei locali e degli uffici.

“Sembra quasi sia passata una tromba d’aria” ha commentato il sindaco Pasquale Mazza che nella serata di ieri è giunto in strada del Ghiaro insieme agli uomini della Protezione Civile e ai vigili del fuoco che hanno lavorato ininterrottamente per tutta la notte.

Un mezzo della Smat (la società torinese che gestisce gran parte della rete idrica della Città Metropolitana) è stato danneggiato dalla caduta di una grondaia. Pioggia e tempo hanno causato l’interruzione dell’erogazione dell’energia elettrica nelle frazioni Campo e Muriaglio e via Barengo, ma grazie al tempestivo intervento dei tecnici dell’Enel (subissati dalle chiamate degli utenti) i guasti sono stati ripristinato in tempi più che ragionevoli.

“E’ stata una notte difficile – ammette il sindaco -. Abbiamo già avvisato la società proprietaria dell’edificio che ospita la Croce Rossa e gli uffici della Smat. Gli interventi ci saranno ma vista l’entità del danno, ci vorrà un po’ di tempo prima che tutto ritorni alla normalità”.

I vigili del fuoco sono intervenuti anche a Rivarolo Canavese, a Ivrea, San Giusto Canavese, San Martino e San Giorgio Canavese per locali allagamenti. Danni anche a Feletto e Quincinetto. Strade chiuse in Valle Orco a causa della caduta degli alberi. I tecnici monitorano attentamente la Dora Baltea a Ivrea e il torrente Orco perchè l’allerta esondazione non è ancora cessata. Da domani, mercoledì 10 gennaio, le condizioni metereologiche dovrebbero lentamente migliorare. La guardia, comunque, rimane alta.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

24/06/2018

Sanità, addio alla doppia ricetta. I medici specialisti potranno prescrivere farmaci ed esami

Dai prossimi mesi addio alla doppia prescrizione medica: anche gli specisalisti privati potranno prescrivere viste, farmaci […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

24/06/2018

Atletica Leggera: Nicolò Daniele si aggiudica l’oro ai Campionati Piemontesi su pista

Prova di forza di Nicolò Daniele ai Campionati piemontesi su pista riservati alle categorie Junior/Promesse disputati […]

leggi tutto...

Busano

/

24/06/2018

Busano, serata di festa in memoria di Simondino Mollo, “mitico” fondatore della Protezione Civile

Una serata conviviale per ricordare Simondino Mollo, fondatore del Gruppo di Protezione Civile di Busano, scomparso […]

leggi tutto...