Macello abusivo di Front: i carabinieri di Leinì arrestano un pastore per possesso illegale di armi

Leinì

/

29/03/2017

CONDIVIDI

Il nome dell'uomo è emerso nel corso delle indagini condotte dagli uomini dell'Arma

I carabinieri di Leinì hanno arrestato nella mattina di mercoledì 29 marzo un pastore di 32 anni, originario di Busca in provincia di Cuneo con l’accusa di detenzioni illegale di armi. L’uomo, D.M. è già noto alle forze dell’ordine e il suo nome è emerso nel corso delle indagini che i carabinieri stanno conducendo in relazione alla scoperta, avvenita una decina di giorni fa, del mattatoio abusivo in una cascina di Front Canavese.

A Busca, nell’abitazione dell’uomo, i carabinieri della stazione di Leinì hanno rinvenuto una carabina ad aria compressa, modificata per aumentarne la potenza di fuoco e un fucile calibro 22 e un’altra carabina ad aria compressa mai denunciata. Tutte le armi sono state sequestrate e saranno esaminate per scoprire se hanno sparato di recente.

Non si esclude che le indagini inerenti il mattatoio abusivo nel quale sono stati trovati i resti di agnellini e capre scuoiate e macellate, potrebbero riservare ulteriori sviluppi.

Leggi anche

28/05/2020

Coronavirus, l’ora donata dai dipendenti Nova Coop va a sostegno della Croce Rossa piemontese

Nel mese di aprile i dipendenti di Nova Coop, la cooperativa di consumatori con 64 punti […]

leggi tutto...

28/05/2020

Coronavirus in Piemonte: anche oggi numeri incoraggianti. Un solo decesso e contagi in calo

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che giovedì 28 maggio, i pazienti virologicamente guariti, cioè […]

leggi tutto...

28/05/2020

E’ arrivata in Piemonte “Amnèsia”, la super marijuana che fa perdere la memoria. Ed è allarme

Il variegato mercato delle sostanze stupefacenti non cessa di “sfornare” nuove droghe, sempre più potenti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy