Macello abusivo di Front: i carabinieri di Leinì arrestano un pastore per possesso illegale di armi

Leinì

/

29/03/2017

CONDIVIDI

Il nome dell'uomo è emerso nel corso delle indagini condotte dagli uomini dell'Arma

I carabinieri di Leinì hanno arrestato nella mattina di mercoledì 29 marzo un pastore di 32 anni, originario di Busca in provincia di Cuneo con l’accusa di detenzioni illegale di armi. L’uomo, D.M. è già noto alle forze dell’ordine e il suo nome è emerso nel corso delle indagini che i carabinieri stanno conducendo in relazione alla scoperta, avvenita una decina di giorni fa, del mattatoio abusivo in una cascina di Front Canavese.

A Busca, nell’abitazione dell’uomo, i carabinieri della stazione di Leinì hanno rinvenuto una carabina ad aria compressa, modificata per aumentarne la potenza di fuoco e un fucile calibro 22 e un’altra carabina ad aria compressa mai denunciata. Tutte le armi sono state sequestrate e saranno esaminate per scoprire se hanno sparato di recente.

Non si esclude che le indagini inerenti il mattatoio abusivo nel quale sono stati trovati i resti di agnellini e capre scuoiate e macellate, potrebbero riservare ulteriori sviluppi.

Leggi anche

21/08/2019

La crisi minaccia il mercato della frutta. Confagricoltura: “Salviamo un settore già penalizzato”

“In Piemonte abbiamo una produzione frutticola d’eccellenza, apprezzata in Italia e all’estero. Ciò che dobbiamo cercare […]

leggi tutto...

21/08/2019

Rivarolo Canavese: il Comune spende 100 mila euro per rifare la copertura dell’ala sud del Castello Malgrà

Centomila euro per rifare la copertura situata nei pressi del camminamento merlato del castello Malgrà: è […]

leggi tutto...

21/08/2019

Ivrea, ragazza di 17 anni denuncia: “Il branco mi ha stuprata nel centro sociale”. Indaga la procura

Ha soltanto 17 anni la ragazza che ha denunciato di essere stata vittima di uno stupro. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy