Locana, “Acqua buona-Acqua cattiva”. I ragazzi di 13 scuole al concorso di cultura francoprovenzale

Locana

/

18/05/2019

CONDIVIDI

In totale gli alunni e gli insegnanti coinvolti nella 37ma edizione del concorso scolastico promosso da Effepi sono stati 490. In particolare, nelle Valli Orco e Soana, la scuola primaria di Pont ha partecipato con tutte le classi, in totale 125 alunni e insegnanti, e hanno partecipato tutte le scuole di Locana e le piccole scuole di Ronco, Frassinetto e Valprato

La manifestazione conclusiva del 37° Concorso Effepi sulla cultura locale avente come tema “Acqua buona-acqua cattiva”, indetto nelle scuole delle valli dall’associazione di studi francoprovenzali Effepi, si è svolta con successo venerdì 10 maggio a Locana, grazie alla bella giornata di sole e all’ottima organizzazione. Per accogliere gli scolari si sono mobilitati amministrazione comunale, ufficio turistico, pro loco, nonni vigili e molti locanesi;la commissione scuola di Effepi e gli esperti di educazione ambientale dei Laboratori del Saper fare; Iren, che ha organizzato le visite guidate alla centrale idroelettrica di Rosone.

Alla 37ma edizione del concorso hanno aderito 13 scuole (in maggioranza primarie, ma anche materne e la media di Locana) delle valli Sangone, Susa, Lanzo, Orco, Soana; di queste alcune non hanno potuto partecipare alla manifestazione finale. Inoltre, erano presenti a Locana le scuole materna e primaria di Challand-Saint-Victor, nell’ambito dello scambio Concorso Effepi/Concours Cerlogne.
In totale gli alunni e gli insegnanti coinvolti nella 37ma edizione del concorso scolastico sono stati 490, di questi i presenti a Locana sono stati 360. In particolare, nelle Valli Orco e Soana, la scuola primaria di Pont ha partecipato in massa, tutte le classi, in totale 125 alunni e insegnanti, ed hanno partecipato tutte le scuole di Locana (materna, primaria e media) e le piccole scuole di Ronco, Frassinetto e Valprato.

I lavori di ricerca realizzati per il concorso, sul tema dell’acqua come risorsa e sul pericolo delle alluvioni, erano esposti nella sala del Vecchio Mulino.
La manifestazione è iniziata con gli spettacoli presentati dalle scuole (canti e recite in patois, poesie, danze) e la consegna dei premi, ed è proseguita con la visita all’antico mulino Bellino -Caudana, al lavatoio, quindi, a Rosone, alla centrale Iren , all’impianto di irrigazione a pioggia e alle mostre sull’alluvione del 2000. Sempre a Rosone, nel salone Don Salvetti, gli alunni hanno ascoltato gli esperti del Comitato dei Laboratori del Saper fare (costituito da Consulta delle Soms, associazioni Pietra su Pietra e Effepi), quindi il Comune ha offerto loro la merenda.

Presenti alla premiazione i sindaci di Locana, Mattie, Villarfocchiardo, amministratori comunali delle Valli Orco e Soana, rappresentanti della dirigenza scolastica.
Alle scuole sono stati consegnati attestati di partecipazione, adesivo, segnalibro, depliant decorati con i disegni della scuola dell’Infanzia di Locana, buoni acquisto, opuscoli, il Comune ha donato un gadget ad ogni alunno presente. Soddisfatti gli organizzatori. “E’ stata una bella festa per i bambini, ma anche per genitori e nonni – afferma Silvana Cavoretto, assessore comunale di Locana – .Ringraziamo tutti coloro che si sono impegnati per accogliere un così gran numero di bambini”.

“L’adesione alla 37ma edizione del Concorso Effepi è stata notevole – osservano i componenti della Commissione scuola Effepi (tra i quali lo ‘storico’ maestro Bruno Tessa di Coazze) – .Ci auguriamo che le ricerche realizzate per il concorso siano di stimolo per l’approfondimento della conoscenza del territorio, della lingua e della cultura locali, che a nostro avviso dovrebbero essere materia di studio nelle scuole di ogni livello e grado”.

Leggi anche

19/10/2019

Tragico incidente stradale sull’ex statale 460 tra Leinì e Lombardore: due morti e quattro feriti

Due morti e quattro feriti: è il tragico bilancio di un terribile incidente stradale che ha […]

leggi tutto...

19/10/2019

Ivrea, detenuto 35enne tenta di impiccarsi in cella. Salvato in extremis dalla polizia penitenziaria

Un detenuto italiano di origini sudafricane, 35enne, in carcere per omicidio, condannato all’ergastolo (ergastolo), mentre si […]

leggi tutto...

19/10/2019

Il presidente della Regione Alberto Cirio visita le eccellenze imprenditoriali del territorio canavesano

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio si è recato nella mattinata di giovedì 17 ottobre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy