Leinì, un rogo devasta un’azienda. Il sindaco Leone chiede l’intervento dell’Arpa

Leinì

/

06/05/2017

CONDIVIDI

L'incendio ha provocato un'altissima colonna di fumo nero e denso visibile da Torino e dal Canavese. Pompieri al lavoro da ore

Un incendio devastante che originato una densa e alta colonna di fumo nero visibile da Torino: i pompieri sono impegnati da ore a domare un rogo che ha quasi completamente distrutto lo stabilimento della AE Curta, un’azienda specializzata nella produzione e lavorare del polipropilene espanso e del polistirolo che si trova in via De Gasperi a Leinì.

L’allarme è scattato intorno alle 12,30 di sabato 6 maggio. All’interno del capannone interessato dalle fiamme, nel momento in cui è scoppiato il furioso incendio, si trovavano due dipendenti che sono riusciti a mettersi in salvo prima che le fiamme precludessero loro ogni via di fuga. Sono stati i due operai, rimasti illesi, a chiamare il 115. Sul luogo stanno lavorando intensamente diverse squadre dei vigili del fuoco provenienti da Torino e da tutti i distaccamenti del Canavese. Sulle cause che hanno innescato il rogo stanno indagando i carabinieri della Compagnia di Venaria Reale.

L’altissima colonna di fumo nero è visibile anche da parecchi comuni del Canavese. In considerazione della particolare lavorazione che si effettuava in azienda il sindaco di Leinì Gabriella Leone che si è recata sul posto, ha richiesto l’intervento dell’Arpa regionale.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/02/2018

Caselle, torna il parcheggio a pagamento. Adesso si potranno usare bancomat e carta di credito

A Caselle, dopo mesi di parcheggio libero e a volte caotico, tornano le strisce blu: dal […]

leggi tutto...

22/02/2018

Salerano: Ottino si dimette da sindaco, il prefetto scioglie il consiglio e commissaria il comune

Lascia l’Italia per raggiungere la famiglia in Portogallo e Salerano, comune di poco più di 500 […]

leggi tutto...

22/02/2018

Borgaro: i vandali danneggiano il monumento del Grande Torino. Ed è polemica

Non c’è limite all’imbecillità e non c’è limite alla mancanza di rispetto per la memoria dei […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy