Leinì: l’agenzia funebre e la concessionaria d’auto erano abusive. I “civich” chiudono le attività

Leinì

/

13/02/2019

CONDIVIDI

Gli agenti della polizia municipale anche comminato salate multe anche cinque automobilisti "beccati" mentre scaricavano abusivamente rifiuti in varie aree del territorio comunale

Svolgeva l’attività di imprenditore funebre senza alcuna autorizzazione rilasciata dal Comune: gli agenti della polizia municipale del Comune di Leinì lo hanno scoperto nel corso di accertamenti compiuti sulla regolarità dell’attività degli esercizi pubblici. La sede operativa della società fantasma di pompe funebri si trovava nell’abitazione e nel garage dell’uomo che tra, l’altro è residente a Leinì. Gli agenti hanno accertato che l’imprenditore svolgeva l’attività imprenditoriale senza aver richiesto la necessaria autorizzazione al Comune. L’uomo è stato denunciato per abuso edilizio, violazione del regolamento di polizia mortuaria e di destinazione d’uso dell’abitazione e del garage. Dovrà anche pagare una sanzione di 12 mila euro. Chiusa, tra l’altro l’agenzia abusiva di onoranze funebri.

E non è tutto: sempre nell’ambito dei controlli finalizzati a verificare la regolarità delle attività commerciali gli agenti della polizia locale hanno scoperto una concessionaria d’auto abusiva. Anche in questo caso l’attività, svolta su un terreno agricolo non adibito ad ospitare attività commerciali e non era stata r4ichiesta l’autorizzazione. Gli agenti, oltra a mettere i sigilli alla concessionaria hanno multato il titolare dell’attività commerciale per 5.200 euro.

Ancora: cinque automobilisti sono stati multati perché immortalati dalle “fototrappole” mentre scaricavano pneumatici, materassi e rifiuti ingombranti in un’area nei pressi del cimitero comunale, in frazione Tedeschi, in via San Maurizio e in via Caselle. Gli automobilisti incivili sono stati identificati grazie alle targhe fotografate dalle telecamere.

Gli agenti li hanno sanzionati con multe di 500 euro. In più dovranno ripagare i costi legati alla rimozione dei rifiuti abbandonati abusivamente.

Leggi anche

20/11/2019

Rivarolo Canavese: gran festa per l’asilo nido “Il Girotondo” che compie quarant’anni di vita

Da quarant’anni assolve ininterrottamente alla sua funzione: quello di essere un punto di riferimento per intere […]

leggi tutto...

20/11/2019

Rivarolo Canavese: gli orafi e i metallurgici celebrano in grande stile la festa del patrono Sant’Eligio

Domenica 24 e lunedì 25 novembre a Rivarolo Canavese saranno celebrati i festeggiamenti in onore di […]

leggi tutto...

20/11/2019

Il consigliere canavesano Andrea Cane difende in Regione la presenza del Crocifisso nelle scuole

Torna attuale in Regione Piemonte la contrapposizione politica relativa alla presenza del crocifisso nelle scuole: a […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy