Leinì, gli artificieri dei carabinieri sequestrano cinque chili di polvere pirica e 11 “bombe carta”

Leinì

/

30/12/2016

CONDIVIDI

I militari della stazione di Leinì hanno denunciato un magazziniere italiano di 42 anni

Il vero problema, nei giorni antecedenti la notte di San Silvestro, è l’uso illecito dei cosiddetti botti di Capodanno: per questa ragione l’attenzione delle forze dell’ordine è particolarmente alta per evitare che si possano verificare danni a persone e cose nel corso dell’arrivo del nuovo anno.

Nella serata di giovedì 29 dicembre in uno stabile di via Balbo a Leinè, i carabinieri della locale stazione hanno denunciato un magazziniere italiano di 42 anni con l’accusa di fabbricazione, detenzione e commercio di materiale esplodente e relativa omessa denuncia.

E’ stato nel corso di un’accurata perquisizione domiciliare effettuata nell’abitazione dell’uomo che gli uomini dell’Arma hanno sequestrato ben 14 tubi monocolpo, 5 chilogrammi di polvere pirica e 11 ordigni esplosivi realizzati in modo artigianale del tipo appartenente alle “bombe carta”.

Tutto il materiale è stato sequestrato dagli artificieri antisabotaggio del Reparto Operativo dei carabinieri di Torino.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/01/2018

Leinì, donna entra al Pam e ruba cinque bottiglie di champagne. Invece di fare festa è finita in carcere

E’ entrata nel centro commerciale Pam di Leinì già con l’intenzione di rubare quelle cinque bottiglie […]

leggi tutto...

16/01/2018

Favria, rivoluzione in Comune. Parte l’informatizzazione degli uffici. Investiti 59mila euro

Il Comune di Favria ha avviato un progetto di informatizzazione degli uffici comunali che andrà avanti […]

leggi tutto...

16/01/2018

Ivrea, i teppisti riempiono di schiuma le auto in sosta. La Lega Nord: “In città troppi atti vandalici”

Troppi atti vandalici in città e la Lega Nord Canavese ritiene che sia ora di porre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy