Leinì, gli artificieri dei carabinieri sequestrano cinque chili di polvere pirica e 11 “bombe carta”

Leinì

/

30/12/2016

CONDIVIDI

I militari della stazione di Leinì hanno denunciato un magazziniere italiano di 42 anni

Il vero problema, nei giorni antecedenti la notte di San Silvestro, è l’uso illecito dei cosiddetti botti di Capodanno: per questa ragione l’attenzione delle forze dell’ordine è particolarmente alta per evitare che si possano verificare danni a persone e cose nel corso dell’arrivo del nuovo anno.

Nella serata di giovedì 29 dicembre in uno stabile di via Balbo a Leinè, i carabinieri della locale stazione hanno denunciato un magazziniere italiano di 42 anni con l’accusa di fabbricazione, detenzione e commercio di materiale esplodente e relativa omessa denuncia.

E’ stato nel corso di un’accurata perquisizione domiciliare effettuata nell’abitazione dell’uomo che gli uomini dell’Arma hanno sequestrato ben 14 tubi monocolpo, 5 chilogrammi di polvere pirica e 11 ordigni esplosivi realizzati in modo artigianale del tipo appartenente alle “bombe carta”.

Tutto il materiale è stato sequestrato dagli artificieri antisabotaggio del Reparto Operativo dei carabinieri di Torino.

Dov'è successo?

Leggi anche

24/08/2019

Mistero a Torrazza Piemonte: esploso un colpo di carabina contro la porta di una villetta

L’esplosione di un colpo di fucile contro una villetta si è trasformata in un giallo. L’inquietante […]

leggi tutto...

24/08/2019

Ceresole Reale: Festival degli aquiloni tra le suggestive cime del Parco del Gran Paradiso

Domenica 25 agosto a Ceresole Reale in località Villa avrà luogo il “Festival degli Aquiloni”, una […]

leggi tutto...

24/08/2019

Volpiano: pensionato di 63 anni esce di casa e svanisce nel nulla: ricerche in corso e famiglia nell’angoscia

Si è allontanato da casa lo scorso martedì 20 agosto e non vi ha più fatto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy