Leinì: i carabinieri scoprono una centrale dello spaccio di droga pedinando un pusher attivo in paese

19/02/2018

CONDIVIDI

I carabinieri hanno scoperto che un condominio era stato trasformato in un supermarket dello spaccio

Lo spacciatore aveva consegnato la dose ad un cliente tossicodipendente e non si era accorto che i carabinieri della stazione di Leinì lo stavano pedinando da tempo: a finire in manette con l’accusa di spaccio è stato un 25enne residente in corso Grosseto a Torino. Ed è stato pedinandolo che i carabinieri sono giunti a scoprire che l’appartamento del giovane era stato trasformato in una vera e propria centrale dello spaccio.

Nel corso di un’accurata perquisizione gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto nell’appartamento, in particolare nella cucina e nella stanza da letto, sei grammi di hashish suddivisi in dosi pronte per essere messe in commercio.

L’agitazione che l’irruzione dei carabinieri ha provocato nell’edificio dove è situato l’appartamento ha insospettito i militari che hanno perquisito le pertinenze comuni del condominio: in un vano dove di trovava l’idrante anticendio, i carabinieri hanno trovato una busta di plastica con 18 grammi di cocaina e oltre 230 grammi di sostanza con la quale tagliare la cocaina e trasformarla in dosi da spacciare.

Dov'è successo?

Leggi anche

Valchiusa

/

14/12/2018

Dal 1° gennaio 2019 nasce ufficialmente il nuovo comune di Valchiusa. Avrà 1.104 abitanti

Si chiamerà Valchiusa il nuovo comune della Città Metropolitana che nasce dall’unione di tre comuni della […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

14/12/2018

Atletica Canavesana: podio prestigioso per Giada Licandro al 22° Cross Panaton di Prato Sesia

Quattro gli atleti in gara dell’Azimut Atletica Canavesana alla 22ma edizione del Cross Nazionale dal Panaton […]

leggi tutto...

Castellamonte

/

14/12/2018

Delitto Rosboch: la Corte d’Appello conferma per Gabriele Defilippi la condanna a 30 anni

I giudici della Corte d’Appello di Torino hanno deciso: Gabriele Defilippi, reo confesso del barbaro assassinio […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy